• Home / CITTA / Reggio – Processo Griffe. Tutti condannati i 17 imputati
    tribunale sentenza

    Reggio – Processo Griffe. Tutti condannati i 17 imputati

    di Angela Panzera – Si chiude con 17 condanne il processo abbreviato scaturito dall’inchiesta “Griffe”. Il gup distrettuale Karin Catalano, ha inferto pene che oscillano dai 20 anni ai 3 anni e 4 mesi di carcere. Come richiesto in sede di requisitoria dal sostituto procuratore Luca Miceli, il gup ha condannato a 20 anni di carcere Girolamo Magnoli, classe 1979, a cui inoltre è stata confiscata una villa con piscina. Condanne durissime sono state comminate anche agli altri presunti appartenenti all’organizzazione criminale dedita al narcotraffico. L’indagine “Griffe” è stata condotta il primo ottobre del 2013 dalla Squadra Mobile della Questura reggina, su coordinamento della Procura antimafia, che ha sgominato un’imponente gruppo criminale. Secondo la Dda dello Stretto, rappresentata nell’inchiesta oltre che dal pm Miceli anche dal sostituto procuratore Adriana Sciglio, l’organizzazione aveva la propria base nella Piana di Gioia Tauro, ma con collegamenti con la famiglia mafiosa del quartiere Brancaccio di Palermo e con il territorio francese, nello specifico quello di Marsiglia. Hashish, ma anche cocaina tra lo stupefacente trafficato almeno a partire dal 2010: il prezzo della droga variava in base alla qualità e alla quantità acquistata, in media il prezzo dell’hashish oscillava tra i 1400 e i 1700 euro, mentre la cocaina andava dai 45mila ai 50mila euro al chilogrammo. La droga, secondo quanto ricostruito dalle indagini, sarebbe stata trasportata a bordo di auto di grossa cilindrata: un viaggio rischioso, ma tutelato dalla presenza di “staffette” che avrebbero segnalato eventuali problemi. Eppure, nel corso degli anni, gli agenti della Polizia di Stato riusciranno a intervenire in due occasioni: l’11 maggio 2011 con un sequestro da 75 chili di hashish sulla A3 e il 28 maggio dello stesso anno con sette arresti, il sequestro di due chili di cocaina e di 27mila euro in contanti a Ficarazzi, in provincia di Palermo.Il tratto caratteristico dell’indagine, infatti, è il collegamento tra la Piana di Gioia Tauro, Marsiglia e Palermo. Tutte cointeressenze già sancite da anni di indagini; acclarati infatti, i rapporti assai stretti tra le famiglie della Piana di Gioia Tauro e gli uomini del quartiere Brancaccio e di questi ultimi con i marsigliesi. Rimarrà solo sullo sfondo l’aspetto mafioso della vicenda: secondo gli inquirenti, la ‘ndrangheta avrebbe soltanto messo il proprio “ombrello protettivo” sul capo di soggetti non pienamente inseriti nell’associazione mafiosa, ma comunque a essa collegati. L’inchiesta è stata denominata “Griffe” poiché lo stupefacente nelle intercettazioni telefoniche, sarebbe stata chiamata con i grandi nomi della case di alta moda: da “D&G” a “dolcè”, fino a “Dolce e Gabbana”, “gold” e “trucco”. Al vertice dell’organizzazione per la Dda, e adesso anche per il gup, c’è Girolamo Magnoli, classe 1979, il quale, oltre a promuovere, dirigere e organizzare l’associazione avrebbe procurato in Francia la droga da importare in Italia. Proprio all’imputato , nel corso dell’operazione, era stata sequestrata- e oggi confiscata- a Gioia Tauro, in contrada Sovereto, una villa molto grande con piscina e ogni comfort dal valore di oltre un milione di euro.
    Qui di seguito le condanne inflitte dal gup Karin Catalano:
    Magnoli Girolamo, classe 79, 20 anni
    Magnoli Girolamo, classe 80, 15 anni e 4 mesi
    D’Agostino Pietro 16 anni
    D’Alia Angela, 7 anni e 4 mesi
    Ghalloussi Sodok 6 anni
    Giovinazzo Michele, 5 anni e 30 mila euro di multa,
    Ianni Filippo,18 anni e 2
    Ierace Salvatore, 9 anni
    Inzerra Salvatore, 13 anni e mesi 4
    Lo Faro Antonino, 3 anni e 4 mesi e 20 mila euro di multa
    Raso Ippolito, 8 anni e 8 mesi
    Raso Michelangelo, 8 anni e 8 mesi
    Sacco Giovanni, 13 anni e 8 mesi
    Saguia Samir, 6 anni e 40 mila euro di multa
    Sala Antonino, 9 anni e 8 mesi
    Sorrenti Antonio, 9 anni 4 mesi
    Testa Matteo, 13 anni e 8 mesi