• Home / CITTA / Reggio – Al “Cilea” si canta per ricordare Mino Reitano
    Memorial Reitano2

    Reggio – Al “Cilea” si canta per ricordare Mino Reitano

    di Grazia Candido – Ha rappresentato in Italia e nel mondo le gioie, i dolori, le ansie, le speranze e le bellezze della sua amata Calabria. E anche quest’anno, la sua città non poteva non omaggiare Mino Reitano che, con la sua ingenua ma dignitosa umiltà, è stato il simbolo di quel riscatto di tanti uomini del Sud che non si rassegnano e guardano al futuro con l’orgoglio di chi sa di avere le capacità per emergere. In un gremito teatro “Cilea”, ieri sera, giovani artisti e non, hanno cantato per ricordare e continuare un talento e la sua storia fatta di musica, parole e bei ricordi. Inizia un incantevole viaggio che apre il sesto memorial dedicato a Mino con un microfono sul palco illuminato da una sola luce, un sipario a metà e in sottofondo le note della canzone “La vita è così”. Scorrono su un pannello le immagini del giovane cantautore accompagnato in molte sue avventure dai fratelli Franco, Antonio e Vincenzo (detto Gegè) ideatore del Memorial che si svolge da sei anni, il 27 Gennaio e che ieri, ha visto salire sul palco del teatro “Cilea” tanti amici e musicisti.
    “Quest’anno un importante riconoscimento arriva dalla Presidenza della Camera dei Deputati che ha inviato una medaglia per omaggiare l’artista Mino, grande talento e uomo esemplare – afferma Gegè – Sono stati quattro mesi intensi di lavoro e abbiamo coinvolto circa 200 persone per far continuare questa bellissima storia. Un ringraziamento va a tutti loro che si ricordano di Mino, che continuano ad amare quell’uomo che non ha mai dimenticato la sua terra e i suoi amici. Un grande e vero artista che però, è stato dimenticato dai politici pur avendo esportato la sua calabresità in tutto il mondo”.
    Nelle parole di Gegè traspare un pizzico di amarezza per la “disattenzione” che è stata riservata al fratello ma a scacciare quell’amaro in bocca, ci pensano i tanti bravi artisti scesi sul campo per Mino insieme ai conduttori Domenico Milani, Stefania Bivone (Miss Italia 2011) ed Erica Cunsolo (Miss Calabria 2008). A ricordare quel giovane sognatore di Fiumara anche “vecchi” amici del panorama nazionale come il genovese Michele (la cui folgorante ascesa iniziò con il successo “Se mi vuoi lasciare”) interprete del brano “Era il tempo delle more” e la signora della musica italiana Rosanna Fratello impegnata con “La mia canzone”. Mino amava i giovani e credeva in loro e in una serata dove a parlare è stata la sua musica, non potevano mancare le voci di talenti (inseriti dal direttore artistico Natale Princi che ha voluto una sezione di giovanissimi con l’intento di tramandare la musica di Mino facendola conoscere anche a coloro che non hanno vissuto i suoi successi) come Ivana Pellicanò, Alessia Di Giò, Caterina Riotto, Filippo Italiano, Romina Mamo, Francesco Trapasso , Adela, Ninha Rose, “Active Sound” Giorgia La Commare, Martina Faccioli e l’Accademia Musicale Canto Moderno. E poi ancora le sorelle Chiara e Martina Scarpari superfinaliste alla settima edizione del talent show di Rai 1 “Ti lascio una canzone” che hanno eseguito magistralmente “Se tu sapessi amore mio” e poi Enzo Reitano, musicista, nipote di Mino e figlio del Maestro Franco Reitano, ospite per la prima volta al Memorial che ha interpretato “Gente di Fiumara”, famoso brano dello zio del 1969, Felice Pagano con “L’uomo e la valigia” e Cosimo Papandrea dei Taranproject in “U zappaturi”. Tra un ricordo e una canzone, scorrono come se si stesse vedendo un lungometraggio le splendide coreografie della “Real Dance” di Mariana Melchionna seguite dalle soavi musiche dell’Orchestra Giovanile di fiati Delianova “Nicola Spadaro” e “Progeny Big Band” diretta dal maestro Gaetano Pisano. Tanta emozione anche quando sul palco sale la madrina di questo Memorial, la campionessa paralimpica e ballerina vincitrice del programma tv “Ballando con le Stelle 2014” Giusy Versace, grande esempio di impegno e volontà a superare gli ostacoli della vita. Le emozioni hanno segnato una lunga serata scandita da continui applausi di un pubblico che, ancora una volta, ha dimostrato che Mino, la sua musica è indimenticabile così come il suo talento ma anche le sue doti umane che meritano di essere ricordate alle giovani generazioni quale fulgido esempio da emulare.
    Memorial reitano7

    Memorial Reitano3

    Memorial Reitano4

    Memorial reitano6

    Reitano5

    6°memorial Reitano - pubblico