• Home / CITTA / ‘Ndrangheta, il giuramento della Santa: ‘O ti spari o ti avveleni’ (VIDEO)
    Giuramento della 'ndrangheta

    ‘Ndrangheta, il giuramento della Santa: ‘O ti spari o ti avveleni’ (VIDEO)

    di Clara Varano – Un vero e proprio rito di iniziazione dal sapore pagano. Gli elementi ci sono tutti: il sole, la luna e le stelle, nel nome di Garibaldi, Mazzini e Lamarmora, tra grandi maestri nel nome della “Santa”. Questo testimoniano i video che oggi sono stati divulgati dai Carabinieri del Ros di Milano, che su disposizione della Dda (LEGGI QUI), hanno arrestato 40 presunti affiliati alla criminalità organizzata calabrese. Nei video i segreti del giuramento alla ‘ndrangheta, ma anche le soluzioni estreme in caso di “errori” di grande entità. Recitati parte in italiano e parte in dialetto le parole sono comunque raccapriccianti.

    “Buon Vespero e Santa sera ai Santisti”, iniziano a recitare, “Giustappunto questa santa sera nel silenzio della notte e sotto la luce delle stelle e lo splendore della luna, formo lasanta catena!
    Nel nome di Garibaldi, Mazzini e Lamarmora con parole di umiltà formo la santa società.
    Dite dopo di me: Giuro di rinnegare tutto fino alla settima generazione, tutta la società criminale da me fino ad oggi riconosciuta per salvaguardare l’onore dei miei saggi fratelli.
    Nel nome di Garibaldi, Mazzini e Lamarmora, passo la mia prima, seconda, e terza votazione su … Se prima lo conoscevo come un saggio fratello fatto e non fidelizzato, da questo momento lo conosco per un mio saggio fratello.
    Sotto la luce delle stelle e lo splendore della luna sformo la santa catena. Nel nome di Garibaldi, Mazzini e Lamarmora con parole di umiltà è sformata la santa società”.

    LE REGOLE DI CHI SGARRA

    Nel segno del “Noi non possiamo mai cambiare”, quasi a sancire una immutata condizione che dura da sempre, i membri delle ‘ndrine spiegano ai nuovi affiliati, come ognuno sia il giudice di se stesso e come, in caso di “trascuranza grave” ci si debba comportare.

    “Fino a ieri – spiegano – appartenevi alla società criminale. Per quanto riguarda la ‘ndrangheta fino a ieri eravate completo. Oggi state prendendo un’altra stada. Devi essere armato. Dovete rinnegare tutto quello che conoscevate fino a ieri. Qua ci sono due strade: la montagna … il monte santo …Oggi, da questo momento in avanti, non vi giudicano gli uomini, vi giudicate da solo. Ci sono due alternative: se nella vita commetterete una trascuranza grave, non devono essere i vostri fratelli a giudicarvi. Dovete essere voi a sapere che avete fatto la trascuranza e sceglete voi la strada da seguire.

    Il giuramento del veleno: una pastiglia, c’è una pastiglia il cianuro.
    O vi avvelenate o prendete questa che spara. Dei colpi in canna ne dovete riservare sempre uno. Quello è per voi.
    Se vi chiedono: Scusate di chi siete figlio? Vostro padre chi è? Voi gli rispondete: mio padre è il sole, mia madre è la luna”.