• Home / CITTA / Polistena (RC), ridimensionamento centro trasfusionale: il Comune dice ‘No’
    pezzi
    Il commissario alla Sanità calabrese, Luciano Pezzi

    Polistena (RC), ridimensionamento centro trasfusionale: il Comune dice ‘No’

    Il Consiglio Comunale di Polistena chiede al Commissario ad Acta per la Sanità calabrese, Andrea Pezzi, di rivedere le proprie decisioni relative al centro trasfusionale della cittadina.

    Si fa riferimento al decreto 58 del 26 giugno 2014, con il quale il commissario ha approvato un progetto di riorganizzazione del sistema trasfusionale regionale, che prevede il ridimensionamento di reparti di centro trasfusionale operativi in alcuni importanti realtà ospedaliere della Calabria, tra cui l’ospedale di Polistena nella Piana di Gioia Tauro, di Lamezia Terme nel catanzarese e di Castrovillari nel cosentino. Il rischio, secondo quanto scritto nella nota dell’amministrazione, “è quello di non poter essere tempestivi in caso di emergenza operatoria, dovendo attendere il trasferimento delle unità trasfusionali provenienti da altri ospedali distanti 40 min/1 ora”. L’ospedale di Polistena, inolte, è un centro-spoke, dunque rappresenta uno degli ospedali di riferimento della Provincia di Reggio Calabria, e l’unico presidio della Piana in grado di fronteggiare le emergenze degli utenti in modo completo ed adeguato, considerata pure la vicinanza della Strada di grande comunicazione Jonio-Tirreno, teatro continuo di incidenti anche mortali che richiedono soccorso immediato. Il decreto non è stato ancora attuato per questo è richiesta la revisione e la sospensione. Il consiglio va oltre, poi, chiedendo di assicurare la continuità dei servizi, di dotare inoltre il reparto di cella refrigerante oltre i -40°C e di misuratore plasma-check, di riprogrammare il sistema dei centri trasfusionali regionali sulla base di criteri razionali stabiliti in accordo con i territori di riferimento, gli operatori sanitari impegnati, e le organizzazioni che lavorano per la raccolta del sangue in modo volontario e gratuito, ma anche un impegno straordinario per il rilancio ed il potenziamento dell’ospedale di Polistena.