• Home / CITTA / ‘Ndrangheta, traffico di droga: 18 arresti. Sequestrati beni per 10 mln di euro (Dettagli)

    ‘Ndrangheta, traffico di droga: 18 arresti. Sequestrati beni per 10 mln di euro (Dettagli)

    I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e i militari del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (Scico), hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, con contestuale sequestro preventivo di beni, emessa dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 18 appartenenti ad una pericolosa organizzazione criminale, dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, tipo cocaina, che giunge dal Sud America in Italia attraverso le strutture logistiche dello scalo marittimo di Gioia Tauro, grazie alla complicità di alcuni dipendenti portuali.
    Il Gip di Reggio Calabria, Domenico SANTORO, ha emesso la misura cautelare in carcere, a seguito del provvedimento di fermo di indiziato di delitto, a cui è stata data esecuzione il 24 luglio scorso, emesso dalla Dda reggina e successivamente convalidato da parte dei Gip di Reggio Calabria, Locri e Palmi, a carico di 10 appartenenti al richiamato sodalizio criminale, nello specifico: BRANDIMARTE Giuseppe cl. ’71, BRANDIMARTE Alfonso cl. ’77, SGAMBETTERRA Gianpietro cl. ’85, IETTO Mario cl. ’68, CAMBREA Vinicio cl. ’73, CARATOZZOLO Vincenzo cl. ’81, SIVIGLIA Francesco cl. ’73, CONDELLO Giuseppe cl. ’70, GAGLIOSTRO Rocco cl. ’77 e CAMPANELLA Antonio cl. ’87. I vari G.I.P. competenti per territorio, il 24 luglio u.s., hanno convalidato il fermo del PM ed emesso misura coercitiva nei confronti di tutti gli indagati, per tutte le ipotesi di reato contestate.). Nella circostanza altri tre soggetti, FEMIA Antonio cl. ’81, CALABRÒ Antonio cl. ’89 e CRISAFI Vincenzo cl. ’80, si sono resi irreperibili all’esecuzione dei predetti provvedimenti e nei confronti dei quali si procederà in stato di latitanza.
    All’esito della dichiarazione di incompetenza dei Gip presso il Tribunale di Palmi, Locri e Reggio Calabria, i tredici indagati sono stati nuovamente attinti, per i capi di imputazione già oggetto di contestazione, dall’odierno provvedimento, a questi si sono aggiunti ulteriori cinque esponenti per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.