• Home / CITTA / Farmaci: Iss, l’Italia scopre i generici, mercato cresce

    Farmaci: Iss, l’Italia scopre i generici, mercato cresce

    Dopo anni in cui sembrava che il mercato dei farmaci equivalenti stentasse a decollare in Italia, sembra arriva l’ora della svolta. Le prescrizioni dei generici sono infatti aumentate del 51% in termini di dosi e del 34,3% come spesa, arrivando a rappresentare oltre il 40% dei consumi e un quarto della spesa. E’ questo uno dei dati evidenziati, insieme ai farmaci piu’ prescritti e i numeri sulla spesa, nel rapporto dell’Osservatorio sull’Impiego dei Medicinali (Osmed) sui primi nove mesi del 2008, presentato oggi all’Istituto superiore di sanita’ (Iss). – MERCATO GENERICI ORA IMPORTANTE: A livello nazionale i farmaci equivalenti rappresentano il 42,4% dei consumi e il 26,2% della spesa. Una crescita del mercato spiegabile con la caduta del brevetto nel 2008 di alcune molecole, usate come antiipertensivi, antibiotici e aceinibitori. Un fattore che ha influenzato la diminuzione dei prezzi, pari al 7,2%. Tuttavia sono aumentate dell’1,3% le prescrizioni di specialita’ piu’ costose da poco in commercio, come insuline e antiepilettici. – SPESA INVARIATA, CONSUMI IN CRESCITA: Nei primi nove mesi del 2008 la spesa farmaceutica territoriale di classe A-Ssn e’ rimasta sostanzialmente stabile rispetto al 2007, grazie anche ai diversi provvedimenti di contenimento adottati. Tuttavia c’e’ stato un marcato incremento delle ricette (+6%), delle confezioni (+5,3%) e delle dosi definite giornaliere (+6,4%). Nel 2008 infatti sono state 931 le dosi prescritte ogni mille abitanti, contro le 875 dell’anno scorso, con un tasso di variazione del +4,6% tra il 2003 e 2008. L’acquisto dei farmaci da parte dei cittadini e’ aumentato dell’1,2%, a causa dell’aumento della spesa privata per i farmaci di classe A (+13,2% rispetto al 2007), mentre la spesa per l’automedicazione si e’ ridotta del 3,2%. Tutte le Regioni hanno registrato un aumento delle dosi prescritte, con variazioni dal +4,1% della provincia autonoma di Bolzano e della Sicilia, al +9,2% della Calabria. – STATINE E ANTIDEPRESSIVI IN TESTA: I farmaci piu’ prescritti nel 2008 sono stati, ancora una volta, quelli del sistema cardiovascolare. Rappresentano infatti il 36% della spesa e il 49% delle dosi. Nella categoria le statine continuano a mantenere il primo posto. A seguire ci sono i medicinali dell’apparato gastrointestinale e metabolismo (14% della spesa territoriale e +11% prescrizioni) e quelli del sistema nervoso centrale (+6,2% prescrizioni). Tra questi ultimi il rapporto rileva un aumento degli antidepressivi (+13%) e degli antiparkinson (+3,4%). (ANSA).