• Home / CITTA / Fai-Cisl: ancora incertezza per forestali calabresi

    Fai-Cisl: ancora incertezza per forestali calabresi

    ANCORA INCERTEZZE PER I FORESTALI CALABRESI GUALTIERI: REGIONE E AFOR SI SOTTRAGGONO AL CONFRONTO

     

    LAMEZIA TERME – 3 DIC 2008 – <Sarà ancora una volta una fine dell’anno piena di preoccupazione e di incertezze per i lavoratori della forestazione calabrese.> A sostenerlo è il segretario generale della FAI CISL Calabria, Giuseppe Gualtieri. <Il 2008 è ormai trascorso – prosegue Gualtieri  –  e i forestali calabresi vivono in un clima di grande incognita. Le province, infatti,  per il momento oltre ad elaborare il piano attuativo per il 2009 hanno più volte manifestato l’impossibilità di accettare il trasferimento delle funzioni per la forestazione essendo tuttora non chiarite alcune perplessità richieste dalle stesse e dalle Organizzazioni Sindacali. A giudizio della FAI CISL Calabria, le Province devono già attrezzarsi per sostenere il settore, non solo dal punto di vista occupazionale, quanto sotto l’aspetto dell’organizzazione e della programmazione dell’utilizzo dell’immenso patrimonio forestale della Regione, che deve essere sempre più tutelato e valorizzato, ma soprattutto reso produttivo. Ad oggi non sappiamo che fine farà il comparto forestale, con il numero di lavoratori ridotto al limite e il blocco del turn-over. Il trasferimento dovrebbe essere alle porte, e ciò senza che il sindacato abbia avuto l’opportunità di partecipare ai tavoli tecnici. Il sindacato non viene neppure informato riguardo l’iter del trasferimento, e certamente non accetterà di essere coinvolto soltanto a cose fatte. Se Regione e Afor continueranno a sottrarsi al confronto – continua Gualtieri – Fai-Flai e Uila concorderanno eventuali iniziative da intraprendere>.

    <L’Afor deve ancora dare risposte ai lavoratori anche per quanto riguarda i problemi più immediati sui quali sono già stati avviati contenziosi: dall’applicazione di istituti previsti dal contratto, al riconoscimento dei diritti acquisiti. Sono aperte, tra le altre, le questioni relative all’applicazione del contratto impiegatizio accordo più volte sottoscritto e mai rispettato.  Non è accettabile che ad essere penalizzati per la cattiva gestione dell’ente siano sempre e soltanto i lavoratori, che continuano a percepire un salario da fame>.

    <Siamo preoccupati – dice Gualtieri – per il continuo stato di incertezza finanziaria in cui è lasciato il settore. Dopo lo stanziamento in Finanziaria dei previsti 160 milioni di euro per il 2009 da parte del Governo, alla Regione chiediamo di attivarsi già da ora per reperire gli 80 milioni di euro da destinare al comparto forestale per la prossima annualità>. 

    <Infine pretendiamo dall’Afor e dalla Regione il pagamento entro la fine dell’anno della tredicesima e della mensilità di novembre, per dare sollievo al grave disagio economico che vivono le migliaia di famiglie dei forestali calabresi>.