• Home / CITTA / Women and Media in Europe: citazione per la giornalista Crocé in materia di PO

    Women and Media in Europe: citazione per la giornalista Crocé in materia di PO

    Il “Codice di Autoregolamentazione per l’impatto di genere nei Media” ideato e redatto nel 2004 dalla giornalista Ignazia Crocè, è stato inserito nel Libro Bianco “Women and Media in Europe” redatto dal CENSIS col contributo della Commissione europea.

    Il “Libro” si colloca all’interno del Programma relativo alla strategia-quadro comunitaria in materia di uguaglianza tra uomini e donne. Da circa dieci anni Ignazia Crocè è Commissaria regionale per le pari opportunità, dopo avere coordinato per tre anni  il gruppo di lavoro “Scuola, Università, Cultura” della Commissione pari opportunità del Consiglio regionale, da tre anni ne coordina il settore “Comunicazione e Cultura ”.

    All’epoca della pubblicazione del Codice, era responsabile del settore “Media” della stessa Commissione, che lo ha pubblicato nel 2004. Il lavoro è stato recepito dalla Commissione nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è stato diffuso nelle Commissioni regionali di tutta Italia. Nello stesso anno della pubblicazione, Ignazia Crocè è stata invitata a relazionare al Forum europeo delle pari opportunità con l’allora ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri,. Per il suo “Codice”, unico a livello internazionale, la Crocè è stata invitata a partecipare a diversi forum di GR Parlamento, e ha coordinato importanti Tavoli di discussione, anche di livello internazionale, come “Portrayal of women, local governance and gender communication”, su invito della Rete europea delle Città e delle Regioni.

    Il Codice della Crocè è stato trattato per tre pagine all’interno di una ricerca Eurispes, ha riscosso l’ apprezzamento del Comitato pari opportunità della Federazione nazionale della Stampa italiana e il sostegno dello stesso Comitato del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Per il suo Codice, infatti, la Crocè ha ottenuto le note conclusive di Benedetta Barzini, giornalista nota in tutto il mondo come “musa” di Andy Warhol e di Norma Rangeri, raffinata critica televisiva e giornalista de Il Manifesto, oltre che di Sandra Cioffi, nel 2004 responsabile del settore Media della Commissione nazionale. Del “Codice” ha parlato anche Punto Donna, il programma televisivo condotto dalla giornalista Ilda Bartoloni su  Rai tre nazionale.