• Home / CITTA / Affitti comunali: il Pdci attacca

    Affitti comunali: il Pdci attacca

    Dal consigliere circoscrizionale del Pdci, Massimo Gallo, riceviamo e pubblichiamo 

    Anche quest’anno, con delle operazioni discutibili e opinabili, il comune di Reggio Calabria procede a stilare la graduatoria, o meglio ben tre graduatorie!, per quanto concerne i contributi da erogare in base alla “Legge 431 del 98 “ – Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione”, conosciuta meglio come contributi sugli affitti.Questi i fatti: il comune di Reggio Calabria emana un bando di evidenza pubblica e fin qui niente di strano, procede poi a stilare una prima graduatoria, def inita provvisoria, invitando chi voleva fare ricorso avverso alla stessa a farlo entro 10 giorni dall’affissione di questa all’albo pretorio. Molti sono stati i cittadini che hanno presentato ricorso e tanti pare che hanno avuto ragione, ma a questo punto la macchina burocratica messa in campo dall’Assessore di An Tilde Minasi e dalla dirigente Carmela Stracuzza si inceppa e pubblica una graduatoria, questa volta che dovrebbe essere definitiva, dimenticandosi di inserire i cittadini che hanno fatto ricorso e che hanno avuto  ragione!Accortasi della grave omissione, la stessa dirigente dott.sa Stracuzza Carmela, si affretta a diramare una nota di rettifica che recita testuali parole “Considerato che per mero errore materiale, verificatosi nei confronti di alcuni richiedenti di cui era stato accolto ricorso avverso la Graduatoria Provvisoria, poiché il calcolo del contributo ad essi spettante non è stato effettuato correttamente, si è ritenuto opportuno rettificare la Graduatoria Definitiva pubblicata in precedenza”. A questo punto avviene la pubblicazione di una terza graduatoria definitiva (?).Adesso, dopo questa clamorosa gaffe dell’Amministrazione Comunale, ci chiediamo: ma siamo certi che tutti i ricorsi siano stati valutati in maniera corretta? siamo sicuri che non vi siano altre inesattezze? Siamo proprio certi che per stilare la graduatoria siano stati applicati i i criteri di imparzialità, di corretta e sana amministrazione?Noi onestamente quale dubbio iniziamo a nutrirlo e non è tutto. Infatti, dalla stessa graduatoria risultano esclusi tanti nuclei familiari che negli anni passati erano rientrati tra quelli aventi diritto. L’interrogativo è: sono diventati ricchi e facoltosi tutto di un colpo? No. Semplicemente il Comune di Reggio Calabria, invece di rimpinguare il fondo messo a disposizione dalla Regione Calabria, per fare bastare i soldini applica quest’anno una serie di restrizioni, alcuni dei quali, nostro modesto avviso, vanno anche contro alcune leggi in vigore.Infatti, pare che uno dei criteri di restrizione è stato quello di non applicare nel calcolo della situazione economica il cosiddetto carico familiare, cosa che avrebbe fatto abbassare per tante famiglie il reddito e farle rientrare tra quelle degli aventi diritto.A questo punto, concludendo, un’ultima valutazione va fatta. Nei mesi scorsi sono stati spesi per la cosiddetta estate reggina svariati milioni di euro. Se solo una piccola parte sarebbe stata utilizzata per rimpinguare questo capitolo alcune centinaia di famiglie, che tirano a campare con un modesto stipendio avrebbero potuto tirare un sospiro di sollievo.Ma questa è la città del divertimento, come ci ripete il Caro Sindaco Giuseppe Scopelliti, ed abbiamo scoperto, dopo questa faccenda, anche delle graduatorie ballerine!                  

                                      Massimo Gallo                                                                                  

     Consigliere PdCI X Circoscrizione – Archi