• Home / CALABRIA / Fondi cultura, Oliverio si giustifica. Anastasi: “Nessun assessore ha messo becco”

    Fondi cultura, Oliverio si giustifica. Anastasi: “Nessun assessore ha messo becco”

    Oliverio, evidentemente turbato dalla pioggia di critiche relative alla distribuzione dei contributi che la Regione Calabria ha elargito, grazie ai fondi Pac, agli eventi culturali, vari e variegati, calabresi, al punto da convocare una conferenza stampa improvvisa, sotto la canicola di quasi ferragosto, tra un “Chi stabilisce dove inizia la cultura e inizia altro…? Chi stabilisce cosa è cultura e cosa no?”, ha chiarito alcuni punti fondamentali, evidenziando esacerbatamente che “tutto è avvenuto nella massima trasparenza e senza particolarismi”.

    “Il lavoro della Commissione interna che ha valutato gli eventi culturali da finanziare con una quota di risorse del Pac è avvenuto nella massima trasparenza e con la massima obiettività”. È la prima precisazione che il presidente della Regione ha fatto nel corso di una conferenza stampa nella sede della cittadella regionale.
    “Rivendico – ha sottolineato Oliverio – la torale autonomia di valutazione dei dirigenti e della Commissione. Finalmente la Regione torna a spostare risorse sugli eventi culturali e le polemiche non servono. Il bando è stato fatto sulla base della legislazione vigente che non è nostra, che va certamente rivista e che intendiamo rivedere anche perché sia chiaro come gestire i fondi. Bisogna caratterizzare i singoli ambiti culturali e da lì muoversi per il bando, facendo anche una differenza tra gli eventi gratuiti e quelli di business”.
    Una parte importante dei fondi per la cultura sarà destinata alla Film Commission per la quale il presidente ha spiegato come “sia stato necessario prima di rilanciarla, risanare un debito pregresso di oltre un milione e seicentomila euro e 82 contenziosi legali. Ora si può parlare di una progettualità che sarà presentata alla prossima mostra del cinema di Venezia con il presidente della Regione Basilicata, con cui daremo vita alla prima Film commission interregionale”.
    Gli eventi culturali calabresi che riceveranno un contributo regionale sono 76 su 300 domande presentate e il totale della quota Pac a loro destinata è pari ad oltre 6 milioni di euro. Tra questi molti sono i cosiddetti eventi “storicizzati”, cioè eventi che gia in passato hanno usufuito di contributi regionali su di loro Oliverio ha chiarito che “nom hanno ricevuto un euro in meno rispetto alle passate edizioni, anzi nel 2016 in molti casi il contributo è aumentato”.
    Sulla percentuale del finanziamento all’evento è intervenuto il dirigente del settore, Pasquale Anastasi: “Perché fosse possibile ampliare la platea di eventi vincitori abbiamo abbassato pa quota di partecipazione pubblica al 50%, stabilendo come tetto massimo 150mila euro di contributo. Questo rientra nelle nostre possibilità perché il bando parla di ‘contributo fino ad un massimo di 80%’ e non di un contributo certo dell’80% delle spese dell’evento. Ci tengo, inoltre, a sottolineare che nessun assessore è andato a bussare alla porta della commissione per ottenere particolarismi e che il lavoro e avvenuto nel massimo della libertà, valutando il merito delle iniziative”.

    Clara Varano