• Home / CALABRIA / Protocollo di intesa Inail/Ente Bilaterale Artigianato Calabria

    Protocollo di intesa Inail/Ente Bilaterale Artigianato Calabria

    Siglato nei giorni scorsi un importante Accordo di collaborazione tra INAIL Calabria e l’Ente Bilaterale dell’Artigianato. Il Protocollo di Intesa ha lo scopo di realizzare azioni comuni di promozione ed informazione al fine di promuovere la cultura della Sicurezza e Prevenzione infortuni e malattie professionali sui luoghi di lavoro. Il Protocollo prevede interventi mirati su tutto il territorio regionale nel settore dell’artigianato.
    Grande soddisfazione è stata espressa dal Presidente EBAC Roberto Matragrano e dal Direttore Regionale INAIL Emidio Silenzi i quali hanno espresso anche la loro soddisfazione per i risultati conseguiti fino ad oggi grazie anche alle precedenti collaborazioni. Il Presidente Roberto Matragrano ha voluto evidenziare che nonostante gli sforzi messi in atto, purtroppo ancora sul territorio non vi è un adeguata consapevolezza dell’importanza della sicurezza sui luoghi di lavoro, troppo spesso infatti ci si sofferma su notizie di cronaca che raccontano di incidenti ma non ci si sofferma abbastanza sulle malattie professionali, sottovalutate e per questo trascurate. Pertanto, ha proseguito Matragrano, è importante dare le giuste informazioni e diffondere la consapevolezza dei rischi che si corrono quotidianamente nello svolgimento del proprio lavoro.
    Gli enti fanno sapere inoltre che a breve partirà un importante progetto regionale volto alla prevenzione delle malattie professionali nel settore dei Parrucchieri e Centri Estetici, il progetto cercherà di coinvolgere gli operatori del settore anche allo scopo di portarli a conoscenza dei diritti in materia di Prestazioni che l’INIAL riconosce loro a condizione che si operi in piena sicurezza e con gli opportuni accorgimenti.
    Un plauso all’iniziativa è giunto anche dalle Associazioni Regionali Artigiane Confartigianato, CNA, Casartigiani e dai sindacati CGIL CISL e UIL le quali ritengono che l’informazione e la formazione siano il giusto veicolo per far si che la cultura sicurezza divenga elemento strategico per il successo dell’ impresa, grande o piccola che sia.