• Home / CALABRIA / Calabria – Le bambine subiscono più violenze sessuali: dati della Casa di Nilla

    Calabria – Le bambine subiscono più violenze sessuali: dati della Casa di Nilla

    Sono le bambine e le adolescenti ad essere più vittime di abusi in Calabria. Le femminucce preda di orchi che abusano sessualmente di loro e gli abusi avvengono prevalentemente in famiglia. E’ questa la fotografia che la Casa di Nilla, unico centro specializzato in Calabria che si occupa di casi di violenza su minori, ha fatto nella nostra regione. Il 60,8% di bambini ospiti del centro sono femmine, che prevalentemente hanno subito abusi sessuali da persone della propria famiglia. Il 48,3% di abusi, in generale, avviene tra le mura domestiche, il 7,9% in famiglia, il 36,5% è extrafamiliare e solo il 7,2% dei ragazzini abusati della Casa di Nilla, non conosce chi ha abusato di loro.

    Realtà che purtroppo vengono a galla solo nell’età pre e adolescenziale e solo allora è possibile intervenire per rimediare, tanto giuridicamente quanto psicologicamente. E alla Casa di Nilla è possibile farlo. Gli abusi, di qualunque natura, registrati nel centro, infatti riguardano principalmente ragazzi tra gli 11 ed i 14 anni, subito dopo i bambini tra i 6 ed i 10 anni e poi quelli tra i 15 ed i 17 anni. Pochissimi i casi registrati di violenza sessuale e di trascuratezza per i bambini tra gli 0 ed i 5 anni e questo, hanno spiegato gli esperti, solo perché non esiste la possibilità di intervenire e di scoprire abusi in quella fascia di età, che vengono scoperti solo dopo nel tempo con devastazioni psicologiche conseguenti a cui porre rimedio.