• Home / CALABRIA / Wanda Ferro su Tav in Calabria: “Grazie Delrio per aver confermato la bufala di Renzi e Oliverio”

    Wanda Ferro su Tav in Calabria: “Grazie Delrio per aver confermato la bufala di Renzi e Oliverio”

    “Sento di esprimere il mio ringraziamento al ministro Delrio per aver confermato che quella dell’Alta Velocità in Calabria era l’ennesima bufala di Renzi ed Oliverio“. A parlare è Wanda Ferro, vicecoordinatrice regionale di Forza Italia, all’indomani dell’intervista del ministro graziano Delrio pubblicata su La Repubblica.
    “Avevo appena finito di scrivere – continua Wanda Ferro – che sia Renzi che Oliverio, non perdono occasione di fare gli imbonitori dato che entrambi sanno che prima di una ventina d’anni l’Alta velocità in Calabria non potrà vedere la luce e che sicuramente si sarebbero inventati una sorta ferrovia di serie B chiamandola Alta Velocità.
    Neanche qualche ora dopo ecco che il ministro Del Rio, evidentemente meno burlone di Renzi e Oliverio, corregge il tiro e chiarisce che per risparmiare il 70% l’Alta Velocità, da Salerno a Reggio Calabria, sarà un po’ meno veloce di quella del Nord: 200 chilometri orari anziché 300.
    Dunque un’Alta Velocità di serie B, proprio come quella che avevo pronosticato.
    Del Rio ritiene che al Sud dobbiamo sentirci appagati se avremo i treni che viaggiano a 200 chilometri orari e, avvedutosi del fatto di essere ministro del governo Renzi, corregge nuovamente il tiro e annuncia che in 20 mesi saranno sbloccate opere per almeno 15-16 miliardi e che il Sud, se sarà capace di far fruttare vecchi e nuovi fondi europei evitando qualche piagnisteo di troppo, crescerà del 2,5-3%.
    L’ennesima bufala: Del Rio avrà trovato una diversa metodologia per misurare la crescita.
    Invito anche il ministro Del Rio a venire da noi, non solo per le fugaci vacanze estive, ma per stare tra la gente così da avvertire il disagio e la povertà che oramai attanagliano irrimediabilmente la nostra terra.
    E non continuino, per favore, a raccontarci le frottole sulla programmazione dei fondi europei.
    Se è vero, come annunciato dal ministro Del Rio, che nel 2014 è stato chiuso l’accordo con l’Europa per oltre 50 miliardi di fondi europei, ci dicano anche l’altra verità: hanno già programmato il commissariamento della Calabria.
    Come per la Sanità, l’emergenza rifiuti, l’emergenza ambientale e il dissesto idrogeologico, il governo commissarierà anche i fondi europei per essere libero di programmare le risorse dove più gli aggrada e dove spera di avere il massimo ritorno in termini di consenso elettorale.
    E tutto accade con la imperdonabile compiacenza di Oliverio che, pur di fregiarsi del titolo di governatore, accetta l’ennesimo commissariamento della Calabria neanche consapevole del danno che sta arrecando alla nostra amata terra, ancora una volta terra di conquista dei futuri beneficiari, magari forestieri, dei fondi europei programmati dal governo”.