• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / La ‘ndrangheta ha paura della stampa che racconta: Pietro Comito doveva tacere
    Pietro Comito

    La ‘ndrangheta ha paura della stampa che racconta: Pietro Comito doveva tacere

    di Clara Varano – Non doveva permettersi di scrivere articoli su Briatico e sui rapporti, presunti o meno che fossero, tra ‘ndrangheta e politica in quella zona. Lui, Pietro Comito, giornalista doveva smetterla e lo avrebbe fatto con qualunque mezzo. All’epoca dei fatti Comito lavorava per “Calabria Ora”, ma non conta la testata giornalistica, contano le minacce che ha subito a causa di alcuni articoli: Mafia nei Comuni, si ricomincia e Scatta l’ora legale. Panico nei Comuni.
    Parla del boss impiegato dall’assessore nei suoi articoli e da lì in poi la sua “penna” è sotto costante controllo delle cosche, del clan Accorinti, chiamato in causa. “Ti taglio la testa se scrivi sul Comune di Briatico e fatti i cazzi tuoi oppure l’appendiamo in piazza San Leoluca (a Vibo Valentia, ndr) così la vedono gli sbirrazzi come te”. Questa è la traduzione di una frase minatoria tutta in dialetto indirizzata al corrispondente e recapitata da un anonimo in redazione a “Calabria Ora”. Paura? Probabilmente tanta, perché chiaramente i malacarne lo avevano preso di mira, ma subito la denuncia e l’avvio delle indagini nel 2011.
    Oggi, da quanto emerge dalle pagine dell’ordinanza di “Costa pulita”, l’operazione che ha portato a 23 fermi, ma che ha svelato tutti i rapporti tra clan e politica nel vibonese, iscrivendo nel registro degli indagati nomi illustri come Andrea Niglia, tutto è più chiaro. Non chi, gli Accorinti, quello era più che evidente da subito, ma come. Le intercettazioni degli investigatori hanno rivelato tutto. Dal fastidio, alla rabbia, agli intenti delle cosche.
    “Non si può prendere questo che ha scritto questo articolo?!” Si dicono. O ancora: “Ha detto tuo padre (il padre di Antonio Accorinti, figlio di ‘Nino’, ndr) che lo deve spaccare a quello come lo troviamo”. Ma la ‘ndrangheta sapeva già dove trovarlo…

    Leggi anche:
    Andrea Niglia: ”Sono estraneo ai fatti, voglio essere ascoltato da Pm”
    ‘Ndrangheta – 23 fermi: colpiti i vertici di “potenti” cosche nel vibonese
    Operazione “Costa Pulita” – I NOMI e LE FOTO dei fermati
    IL VIDEO dell’operazione “Costa Pulita”