• Home / ARCHIVIO / Cultura / "Gli incantatori di fotoni" conquistano Roma

    "Gli incantatori di fotoni" conquistano Roma

    gli_incantatori_di_fotoni.jpg
    Il reggino Enrico Cameriere, alla conquista della Capitale, Nei giorni di 21, 22 e 23 novembre Teatro in libreria, dopo il successo della prima edizione effettuata nel marzo 2008, ha riproposto il trailer teatrale del libro “Gli incantatori di fotoni” di Città del sole edizioni.

    Il libro è una raccolta di racconti ispirati al mondo del cinema, alcuni sono direttamente tratti da esperienze vissute dall´autore (come il gruppo di racconti legati alla lavorazione del film di Gianni Amelio “Colpire al Cuore”, altri sono di pura fantasia, ma sempre seguendo il filo conduttore dei direttori della fotografia nel cinema.
    Nel weekend sono, dunque, state effettuate cinque perfomance in diverse librerie e locali romani: 21 NOVEMBRE – Ore 18.00 – Libreria La Conca D’Oro (V. Conca D’oro, 337 – Prati Fiscali) – 21
    NOVEMBRE – Ore 22.00 – Libreria Rinascita Gordiani (V.le Agosta – Prenestina) – 22 NOVEMBRE – Ore 20.30 – Caffè Letterario (V.le Ostiense) – 23 NOVEMBRE – Ore 11.00 – Bibli Caffè (Via dei Fienaroli, 28 – Trastevere).
    Cast tecnico: Trailer di: Marzia Pez Regia di: Marco Reale – Sabrina Tolve (aiuto regia) ATTORI: Giorgio Filonzi, Manuel Ricco, Antonio Cappella, Marco Reale MUSICHE DI: Lorenzo Cortoni
    (Chitarra) ed Enrico Martella (Tromba). Le presentazioni sono state seguite sempre da un pubblico numeroso e la tipologia dei locali ha permesso di raggiungere diversi tipi di lettori. La formula prevedeva, dopo l´esecuzione di alcuni brani musicali da parte di Cortoni e Martella, un´intervista da parte di Marzia Pez all´autore e lo stesso in alcune occasioni ha effettuato un reading di brani del libro. A seguire la messa in scena del trailer. Essendo lo stesso tratto da un libro di racconti, si è effettuata la scelta di scrivere un copione che racchiudesse più racconti, sottolineando l´ambientazione cinematografica dello scritto. Di fatto la scena inizia in un set cinematografico dove delle persone si preparano per girare, poi entrano in scena degli attori che recitano una scena di un pezzo drammatico. Di fatto si ha una sovrapposizione di piani di lettura in cui la finzione
    è sempre nascosta da un´altra messa in scena, il tutto in un gioco di richiami e citazioni. Il tono umoristico è alternato con quello drammatico. Gli attori dimostrano di sapersi muovere bene e spesso coinvolgono direttamente il pubblico creando un altro piano di lettura, creando interesse e appassionando alla storia. Lo spirito del libro viene reso bene, si mette in evidenza il mondo magico del cinema, le passioni degli interpreti. Si disegnano macchinisti sornioni, direttori della fotografia burberi, attori istrioni, tutti legati dal fine comune della realizzazione della scena. Allora dietro alla macchina da presa, mentre gli attori attirano l´attenzione, tutto il mondo della troupe prende vita.
    Il pubblico ha sempre seguito con partecipazione alle rappresentazioni in un crescendo, fino alla serata finale effettuata nel locale Stil Novo dove la grandissima partecipazione e l´attenzione
    hanno permesso lo svolgimento di una perfomance particolarmente intensa.