• Il ricordo che lega Fabio Cannavaro alla Reggina, domenica il ritorno al Granillo con il Benevento (VIDEO)

    Fabio Cannavaro, come calciatore, non ha bisogno di presentazioni. Uno dei difensori più forti della storia del calcio, con un Mondiale in bacheca e un Pallone d’oro. Da allenatore, dopo gli anni in Cina, è ripartito dalla B. A Benevento ha molto da dimostrare e il materiale umano, data la rosa dei sanniti, non gli manca di certo. A Reggio avrà un banco di prova importante, in uno stadio che più volte lo ha visto affrontare gli amaranto da calciatore. Sei volte è sceso in campo al Granillo da avversario in Serie A con le maglie di Parma, Inter e Juventus, due volte lo ha fatto con la maglia della Nazionale Italiana.

    Cannavaro e la Reggina, l’aneddoto

    Se Fabio Cannavaro difensore è un brand riconosciuto a livello internazionale, lo è un po’ meno come goleador. Anche perché di marcature in carriera ne ha realizzate davvero poche, a differenza di altri difensori che avevano il vizietto di fare male anche nell’area avversaria. Sono soltato una ventina su 700 partite gicoate.

    Non ci sono dubbi, però, su quale sia il più bello della sua carriera, come lui stesso ha ammesso. Una rete segnata proprio alla Reggina. Era la stagione 2002-2003 e Cannavaro mise la firma in un clamoroso Inter-Reggina finito 6-0.  Alla fine di quella partita saltò, tra l’altro, la panchina di  Franco Colomba e volarono un po’ gli stracci in casa amaranto.

    Cannavaro segnò con un bolide dalla lunghissima distanza.

    Ecco il video, con la telecronaca di Fabio Caressa e Beppe Bergomi.