• Brescia-Reggina, cuore a metà per Bizzarri: “A Reggio ricordi fantastici, impressionato da Canotto: esterno fortissimo”

    Bomber di razza. Non ci sono altre definizioni più azzeccate per Girolamo “Mino Bizzarri“. 24 reti in 49 presenze con la maglia amaranto tra il 1991 ed il 1993. 14, invece, quelle realizzate con la maglia del Brescia tra il 1996 ed il 1998.

    Vivrà con uno spirito particolare la sfida che vedrà opposta le sue due ex squadre domenica al Rigamonti.

    Il ricordo della Reggina

    “Non avedo dubbi conoscendo la passione dei reggini”. Così  Bizzari, parlando alla Gazzetta del Sud, ha commentato il fatto che i sostenitori amaranto hanno polverizzato i biglietti a disposizione per la trasferta di Brescia.
    L’ex bomber ha giocato con entrambe le formazioni e ammette di avere il cuore diviso. “Anche se – ha spiegato – desidererei che la Reggina tornasse a calcare palcoscenici prestigiosoi. In Calabria ho trascorso due stagioni bellissime , anceh sotto il profilo umano. Ho un ricordo fantastico di quel periodo”. Tra questi la nascita del figlio Mario a Melito Porto Salvo, a Brescia invece è riuscito a centrare il salto dalla B alla A.

    Reggina-Brescia di domenica

    Poi focus sul match d’alta quota del campionato cadetto. “La partita – ha evidenziato Bizzarri – a potrebbe essere decisa da un singolo episodio. In Serie B non ci sono comunque incontri dall’esito scontato. Ho visto in tv il 2-2 col Benevento e mi ha impressionato positivamente Canotto che con la sua velocità ha la possibilità di mettere in difficoltà la difesa biancazzurra. É un esterno fortissimo e mi piaceva fin dai tempi del Chievo”.

    “Menez, Fabbian ed Hernani” sono stati gli altri calciatori hanno impressionato Bizzarri. Pensiero importante sul brasiliano: “Centrocampista completo: abbina qualità e quantità e con un pizzico di fortuna in più avrebbe potuto trovare la doppietta”.