• Home / Sport / Reggina / Reggina e questioni societarie, la dichiarazione di Gravina: “Tutte le società hanno pagato il 16”

    Reggina e questioni societarie, la dichiarazione di Gravina: “Tutte le società hanno pagato il 16”

    Il 16 febbraio la Reggina non ha pagato i contributi Inps e le scadenze Irpef che, a partire da marzo 2021, erano state posticipate alla scadenza della metà del mese.  Lo ha ammesso anche il direttore generale Iiriti, sottolineando però come il mancato adempimento è strettamente correlato ai problemi di salute del presidente Luca Gallo.

    Il patron è amministratore unico delle sue società e del club. Nessun altro, a detta del dg, ha potuto effettuare il versamento.

    La società, che ha pagato comunque tutti gli stipendi dei calciatori, conta di avere una proroga che possa permettere di evitare la penalizzazione di due punti, per effetto dell’oggettivo impedimento avuto dal patron (operato d’urgenza nei giorni scorsi).

    Potrebbe essere significativa la dichiarazione del presidente della Figc Gabriele Gravina  a RaiSport.

    “Giorno 16 – ha affermato –  tutte le società hanno pagato. Si sono messe in regola, grazie ad una forte ricapitalizzazione da parte delle società che vengono incontro alle reali esigenze del loro conto economico”.

    Considerato che si tratta del massimo dirigente del calcio italiano e si presuppone parli per tutte le categorie. Ttuttavia, la dichiarazione, in ottica Reggina, potrebbe anche avere una valenza. Ma si attendono riscontri, dato che non ci sono riferimenti specifici.