• Home / Sport / Reggina / Reggina, Aglietti: “Nessuno mi ha chiesto di vincere il campionato, i discorsi da bar non mi piacciono”

    Reggina, Aglietti: “Nessuno mi ha chiesto di vincere il campionato, i discorsi da bar non mi piacciono”

    La sconfitta con il Cittadella per la Reggina è arrivata quasi inattesa.  Non è piaciuta la prestazione di Cortinovis schierato davanti alla difesa come vice Crisetig, ma il tecnico risponde alle notazioni fatte su questa scelta difendendo a spada tratta la squadra.

    “Non c’è – ha dichiarato in conferenza stampa – equilibrio nei giudizi. Fino a poco tempo fa sembrava che Cortinovis dovesse giocare in ogni ruolo, adesso la colpa della sconfitta è la sua. Se ci sono delle colpe sono le mie. Il ragazzo va tutelato e lasciato stato. Non deve sentire la pressione, come gli altri può sbagliare.  Mi sembra eccessivo far ricadere su una posizione in campo una situazione generale che si è creata. Non mi piacciono i discorsi da bar, perché se avesse giocato Bianchi si poteva dire che non c’eraqualità.   Gli attaccanti avevano lavorato male in fase di non possesso, mi aspetto che anche altri giocatori siano dento la partita.  Non pressavamo bene ed il problema era generale.  Non mi piace che si vada ad  attaccare le squadre quando le cose non vanno.  I giocatori vanno lasciati stare, per come lavorano e per quello che stanno dando a questa squadra”.

    Due ko in undici partite per la Reggina. “Le due sconfitte – ha dichiarato Aglietti –  sono state diverse, in momenti diversi ed entrambe sono state immeritate. Con il Cittadella non abbiamo fatto bene nel primo tempo, ma nel secondo tempo abbiamo costruito cinque- sei palle gol. Concentriamoci sulla partita di domani (a Cosenza ndr).  È un derby. Non dobbiamo vincere il campionato, nessuno me l’ha chiesto”.