• Home / Sport / Reggina / Insidia Perugia per la Reggina: fare gol agli umbri è difficile, ma non solo

    Insidia Perugia per la Reggina: fare gol agli umbri è difficile, ma non solo

    Due gol subiti nelle ultime sette partite. Può essere questo il dato più significativo per riassumere quella che, al momento, è stata la più importante delle virtù del Perugia nella stagione in corso. Sono cinque nel complesso le reti subite dagli uomini di Alvini che oggi occupano l’ottavo posto da neopromossi con la migliore difesa del campionato.

    L’ex allenatore della Reggina adotta un 3-4-1-2 molto solido. La squadra ha grande capacità di ripartenza anche per effetto dei movimenti del trequartista che va spesso a cercare lo spazio tra le linee. Si tratta di un tema tattico che, dall’inizio dell’anno, ha creato più volte problemi alla squadra di Aglietti. Da Falletti con la Ternana o Dalmonte del Vicenza, le difficoltà ci sono sempre state.

    Attenzione agli esterni che giocano a tutta fascia, tenuto conto che si tratta di specialisti della categoria come Lisi e Falzerano. A guidare la difesa c’è uno degli ex di turno Gabriele Angella. In porta gioca, invece, Chichizola.

    In attacco, fino al momento, si sono alternati Matos, De Luca e Carretta. Il primo era stato obiettivo di Taibi negli ultimi giorni di mercato, ma i troppi over hanno fatto desistere il ds dall’opportunità di trovare una seconda punta da regalare ad Aglietti. Il secondo è, invece, un centravanti che Aglietti ha avuto l’anno scorso al Chievo e che al Perugia è in prestito dalla Sampdoria, dopo il fallimento dei gialloblu.

    Dietro le punte gioca Kouan, giovane talento cresciuto nel settore giovanile umbro. In porta gioca Leandro Chichizola, tornato in Italia dopo quattro anni a dare seguito alla significativa esperienza di La Spezia dove giocò tre campionati da titolare.