• Home / RUBRICHE / Storie / Illecito sportivo, la Reggina trema

    Illecito sportivo, la Reggina trema

    fotiIl temuto deferimento è arrivato: la Reggina sarà, dunque, chiamata a rispondere di illecito sportivo davanti ai Giudici federali; tre le partite sotto accusa: Sampdoria, Atalanta e Palermo.

    L'accusa importa, automaticamente la richiesta di retrocessione in serie B, ma, anche in caso di derubricazione ad articolo 1 (violazione degli obblighi di lealtà), potrebbe arrivarsi ad una forte penalizzazione per il campionato appena concluso che, di fatto, schiuderebbe le porte della cadetteria  comunque.

     

    La società amaranto, ovviamente, non ci sta e punta all'assoluzione piena, mirando a dimostrare che i contatti telefonici tra il Presidente Foti ed il designatore, Paolo Bergamo, erano volti solo ad assicurarsi preventivamente correttezza ed equità negli arbitraggi.

    "Non ci stiamo a rappresentare il capro espiatorio di tutto lo scandalo" – hanno dichiarato sia Lillo Foti che il legale della società amaranto, Giuseppe Panuccio e, in effetti, alla luce di numerosi "segnali" provenienti dal sistema, la sensazione è che il rischio sia proprio che i Giudici, tacciati di eccessivo "buonismo" con riferimento alle sentenze relative a Juventus, Fiorentina, Milan e Lazio, vogliano rifarsi una sorta di verginità proprio con la Reggina.