• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Reggio – “Storia di ordinaria inciviltà: da 2 anni mia nonna malata non attraversa la strada”
    Reggio auto sulle strisce pedonali

    Reggio – “Storia di ordinaria inciviltà: da 2 anni mia nonna malata non attraversa la strada”

    Riceviamo e pubblichiamo – “Egregio direttore, chi le scrive è un ragazzo di 22 anni. E’ un ragazzo che andando controcorrente alla maggior parte dei suoi coetanei ha deciso di rimanere nella nostra martoriata città.

    Mentre tutti partono “‘perché tanto qui non c’è più niente’, io sono rimasto perché in questa città ci credo e lotto, nel mio piccolo, per emarginare il ‘il riggitano’ che la denigra. Vengo direttamente al dunque del perché le scrivo.

    Da circa due anni convivo con mia nonna di 85 anni che soffre della sindrome di alzheimer e con evidenti difficoltà a camminare.
    Da circa due anni io e mia nonna conviviamo con l’impossibilità di poter attraversare la strada sulle strisce pedonali, in quanto OGNI GIORNO e in maniera COSTANTE, queste, vengono occupate da incivili senza coscienza che abbandonano la macchina con le quattro frecce e si dedicano a sbrigare le proprie faccende.
    A nulla servono le segnalazioni ai vigili urbani , che ahimè , per l’inciviltà che circola in città sono evidentemente pochi .

    Affinché non sia vana la nostra scelta di rimanere in questa città, faccio appello a Lei direttore e alla coscienza di tutti i reggini, quelli veri e onesti, di combattere e non rassegnarsi, perché la mobilità dei più deboli, che siano anziani, donne incinta o disabili, è un problema che deve interessare tutti!“.