• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Tapis roulant: interrogazione Canale a Scopelliti

    Tapis roulant: interrogazione Canale a Scopelliti

    Riceviamo e pubblichiamo

    CONSIGLIO COMUNALE DI REGGIO CALABRIAGruppo Consiliare del Partito dei Comunisti Italiani Interrogazione con richiesta di risposta scritta ai sensi dell’art. 45 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale.                                                 Al Sig. Sindaco di Reggio CalabriaDr. Giuseppe Scopelliti SEDE Io sottoscritto avv. Massimo Canale, Consigliere comunale di Reggio Calabria, premesso:–         che i lavori per la costruzione del tapis roulant di via Giudecca hanno registrato numerose interruzioni a causa di problematiche di carattere amministrativo, sicché il completamento dell’opera ha subito inevitabili ritardi;–         che durante l’esecuzione delle opere previste numerosissimi cittadini hanno manifestato il loro dissenso rispetto all’opera in sé, nonché rispetto alle procedure seguite dall’amministrazione comunale;–         che risulta al’interrogante che anche la soprintendenza per i beni archeologici ha manifestato perplessità rispetto all’opera in riferimento alla tutela del patrimonio archeologico della Città di Reggio Calabria.Considerato:–         che il protrarsi dei lavori ha avuto un notevolissimo impatto negativo sulle attività commerciali di via Giudecca e via Filippini che oggi vedono drammaticamente crollare l’affluenza dei clienti e, di conseguenza, il fatturato;–         che nei giorni scorsi alcuni di questi commercianti costituitisi in associazione hanno avanzato l’ipotesi di richiedere al Comune un indennizzo per l’interruzione commerciale dovuta ai lavori in corso, nonché benefici di carattere tributario.Tutto ciò premesso, si interroga il Sindaco al fine di sapere:·        se risponda al vero che siano pendenti contenziosi di natura giudiziaria tra il Comune e i proprietari o commercianti delle strade ricadenti nelle aree di cantiere (via Filippini e via Giudecca);·        se la costruenda opera abbia ottenuto tutti i permessi e i nulla osta necessari da parte delle autorità preposte (valutazione di impatto ambientale, beni archeologici, paesaggistici ecc.);·        quali siano i tempi previsti per il definitivo completamento del tapis roulant;·        se l’amministrazione comunale intenda aderire richieste di indennizzo avanzate dai commercianti o quali altre iniziative la S.V. voglia intraprendere in favore degli stessi.Reggio Calabria, 25 giugno 2008Avv. Massimo CanaleConsigliere comunale di Reggio Calabria