• Home / RUBRICHE / Diario / Crisi Comune: obtorto collo, scurdàmmoce ‘o passato

    Crisi Comune: obtorto collo, scurdàmmoce ‘o passato

    palazzo_san_giorgio

    di Enzo Vitale* – Dopo quaranta giorni di follia, mallevatrice la nostra Avvocata, la Grande Crisi sembra finita. Pur non potendo consegnare all’oblio le non esaltanti pagine della storia

    politica reggina di questa pazza estate, si ha comunque voglia di dimenticare: obtorto collo, si deve dimenticare, o far finta di dimenticare, o comportarsi come se si fosse dimenticato. Se si vuole veramente il bene della città, non possono essere lasciati focolai attivi potenzialmente in grado di rinnovare l’incendio.

    L’antica popolare saggezza napoletana ci offre quello che potrebbe essere assunto a simbolo di una nuova stagione reggina, una tarantella napoletana come colonna sonora di questo incipiente autunno reggino. 

    Tarantella, facemmoce ‘e cunte,
    nun vale cchiù a niente
    ‘o ppassato a penzà

    Quando nun ce stanno ‘e tramme,
    na carrozza è sempre pronta
    n’ata a llangolo sta già:

    Omissis

    Tarantella, facémmoce ‘e cunte,
    nun vale cchiù a niente
    “ ‘o ppeccomme e ‘o ppecché “…

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantà …

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto …
    Chi ha dato, ha dato, ha dato …
    Scurdàmmoce ‘o passato,
    simmo ‘e Napule paisà!

    Visto che non si possono prendere i moderni mezzi di locomozione per andare incontro alle nostre “magnifiche sorti e progressive” (Quando nun ce stanno ‘e tramme, / na carrozza è sempre pronta / n’ata a llangolo sta già), dimentichi del passato (nun vale cchiù a niente / ‘o ppassato a penzà – nun vale cchiù a niente / “ ‘o ppeccomme e ‘o ppecché “… ), ci possiamo pur sempre accontentare della carrozzella che sta all’angolo della strada paziente ad aspettarci.

    A parte gli scherzi, comunque sia andata la storia sembra finita, quindi, contenti della soluzione a tal punto da costringerci a dimenticare il passato, non possiamo altro fare se non porgere a Giuseppe Raffa e alla sua Giunta i nostri migliori auguri.
    *coordinatore laboratorio politico Città Libera