• Home / PUBLIREDAZIONALE / Publiredazionale / Oggi parliamo di caffè..(prima parte)

    Oggi parliamo di caffè..(prima parte)

    Abbiamo intervistato Angelo Crucitti,titolare della storica ditta Caffè Crucitti

    Il caffè è una delle bevande più consumate,secondo te qual’è il segreto del suo successo?

    Si,è vero,è la bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua,si conta circa un consumo di 2,5 miliardi di tazzine al giorno,un numero impressionante.Sembra strano,ma l’Italia si trova solo al dodicesimo posto come consumo di caffè,circa 6 kg a testa l’anno,più o meno per ognuno di noi 3 o 4 tazzine al giorno,mentre troviamo al primo posto la Finlandia,con un consumo annuale di 12 kg pro capite,il segreto del suo grande successo penso sia dovuto a diversi fattori,la caffeina ne ha un ruolo importante,ricordiamo che viene classificata droga leggera,e come ben sappiamo qualsiasi sostanza definita droga è perchè crea dipendenza.Penso ci sia anche un aspetto psicologico e culturale dietro il consumo del caffè,la possiamo definire un’abitudine,una moda,un’usanza,una routine quotidiana,alla quale difficilmente riusciremmo a rinunciare,e infine soprattutto perchè è buono,e se assunto con criterio fa bene anche alla salute.

    Quanti tipi di caffè esistono?

    Esistono diverse specie botaniche di piante di caffè,la prima pianta di caffè che è stata scoperta viene denominata Typica,ed è originaria dell’Etiopia,ed è proprio da quest’ultima che sono nate tutte le altre specie,alcune per mutazioni naturali e altre sono il risultato di incroci,lo scopo era rendere la pianta sempre più resistente e più prolifera per interesse commerciale,e da qui è nata Bourbon,la Caturra,Mondo Novo,Catuai,Geisha,Pacamara,la Pacas e molte altre,da questi incroci sono anche nate le due varietà più conosciute,l’Arabica e la Canephora,detta più comunemente Robusta.La Typica era ed è un’Arabica naturale,poi solo successivamente è nata anche la Robusta,ciò che distingue queste due varietà è l’altitudine,l’Arabica cresce in altezze tra gli 800 e i 2000 metri,mentre la Robusta dai 300 ai 700 metri dal livello del mare.