• Home / Primo piano / ‘Ndrangheta, giudice Di Bella: “Non sono ladro di bambini, do loro futuro diverso”

    ‘Ndrangheta, giudice Di Bella: “Non sono ladro di bambini, do loro futuro diverso”

    Il presidente del Tribunale dei minori di Reggio Calabria Roberto Di Bella intervenuto a Catanzaro al 36/mo Congresso nazionale dell’Associazione italiana dei magistrati per i minorenni e per la famiglia ha dichiarato: “Dopo 20 anni di carriera come giudice dei minori mi sono trovato alla sbarra i figli dei ragazzini che avevo giudicato, perche’ nella provincia di Reggio Calabria le famiglie di ‘ndrangheta mantengono inalterato il loro potere attraverso l’indottrinamento dei propri figli, una spirale perversa che va spezzata”. Da alcuni anni il magistrato adotta provvedimenti civili di decadenza o limitazione della responsabilita’ genitoriale per appartenenti ai clan. “Mi hanno chiamato ‘ladro di bambini’ – ha aggiunto i giudice Di Bella – ma noi interveniamo con questo strumento quando vi e’ un concreto pregiudizio all’integrita’ psichica e fisica dei minori. Al centro del nostro agire c’e’ soltanto la tutela del minore”. Una volta allontanati dalle famiglie i ragazzi vengono affidati ad associazioni, come Libera o l’Unicef, e in alcuni casi anche a famiglie di volontari. Il giudie Di Bella lo ha definito un “Erasmus della legalita'”, in questo modo “cerchiamo di far vedere ai ragazzi un mondo diverso da quello che conoscono dove la violenza non e’ l’unica risposta e il carcere non e’ un passaggio professionale obbligato”. Il presidente del tribunale reggino ha parlato anche degli “straordinari risultati” raggiunti in questi anni: “La maggior parte dei ragazzi, dopo questo difficile percorso, ha ripreso gli studi, ha iniziato a svolgere lavori socialmente utili o, in alcuni casi, a collaborare con le associazioni”. Di Bella ha poi voluto sottolineare il ruolo delle madri di questi “bimbi di ‘ndrangheta”. “Sono donne disperate – ha spiegato – segnate da lutti e carcerazioni, il nostro tribunale per loro e’ divenuto un’ultima spiaggia, l’unica speranza di poter salvare i propri figli da un destino segnato”. L’esperienza di Di Bella e’ stata ripresa anche dal presidente del tribunale di minori di Napoli, Patrizia Esposito, che si e’ trovata ad affrontare “ragazzini con condotte violente oltre ogni limite”. Il magistrato ha spiegato l’ascesa delle cosiddette “paranze dei bambini”, bande di giovanissimi che hanno colmato il vuoto lasciato da alcuni clan dopo gli arresti, con brutalita’ e violenze quotidiane. “Sono ragazzi – ha spiegato – che provengono da famiglie sventrate con figure femminili sinistre che spesso, durante i periodi detentivi dei loro mariti, diventano boss”. A Catania il presidente del Tribunale, Emma Seminara, ha incontrato bambini di dieci anni che “non sapevano scrivere, che non avevano mai festeggiato un compleanno e che avevano ricevuto un regalo dai familiari solo per festeggiare il primo scippo. Davanti a queste situazioni non si puo’ non intervenire per difendere l’integrita’ fisica e psichica del minore”. In chiusura dei lavori l’avvocato generale dello Stato Beniamino Calabrese e il presidente del Tribunale dei minori di Catanzaro Luciano Trovato hanno annunciato la volonta’ della Regione Calabria – era presente il presidente della Commissione regionale antimafia Arturo Bova – di approvare una legge che preveda risorse per realizzare veri e propri pool educativi antimafia che seguano i minori nei percorsi decisi dai tribunali calabresi.