• Home / EDITORIALI / Il Papa in Calabria / Mons. Bregantini: La Calabria attende con gioia il Santo Padre Benedetto XVI

    Mons. Bregantini: La Calabria attende con gioia il Santo Padre Benedetto XVI

    bregantini

    Carissimi figli di Calabria,
    voglio in questa occasione, per una emozione forte presente nel cuore mio di Pastore e di Presidente della commissione episcopale ai problemi sociali, lavoro, giustizia e pace,

    partecipare con tutti voi questo momento di gioia benedetta per la visita del Santo Padre che avverrà domenica 9 ottobre, a Lamezia Terme e Serra San Bruno. Vi auguro domenica di sentire la mano di Dio che vi conduce particolarmente per le strade delle Sue meraviglie, abbondantemente create da Lui nella terra di Calabria, terra del sole! Spero che questa solenne visita vi segni profondamente e faccia aumentare in voi quella speranza che come Chiesa cerchiamo sempre di mantenere accesa e perseverante in tutti voi che abitate con la vostra gentilezza e generosità una terra così bella e fiera! Nella figura di questo amorevole Papa, sono certo che riscoprirete una dolcezza paterna capace di parlare al vostro cuore, talvolta ferito, turbato dalla paura, ma sempre così vasto e pronto ad amare. Siate figli della pace, della stima reciproca, lavorando sempre con dignità e per la vostra dignità! Siate sempre in comunione, lottate per restare uniti fra voi e legati a Dio Padre, che veglia su di voi amorevolmente. Non sentitevi mai soli e disperati, specie quando il male vi passa accanto per spaventarvi. Non lasciatevi rubare il sorriso, né il cuore! Perché siete “gente di cuore”. Ed è questa la vostra bellezza! Questa la vostra forza! Cercate Dio mentre si fa trovare. E stringetevi al papa, Benedetto XVI, nostro luminoso “Faro della fede in Dio Amore”. Andategli incontro, perché nella sue parole sentirete quelle del Signore: “Sono venuto perché abbiate la vita e l’abbiate in abbondanza!”. Orientatevi allora sempre nella direzione del bene  e della cooperazione, perché la Calabria sia, per chiunque, una culla di luce e di colori accesi dal Cristo vivente che è in voi, perché Gesù porta le vostre fatiche, asciuga le vostre lacrime, mentre vi riscatta da ogni ingiustizia e violenza. Vivete con gratitudine a Dio, fidatevi di Lui, esultate con Lui in questo tempo di grazia e siate sempre più Popolo dal grande anelito, dai doni gratuiti e felici, per dimorare nella speranza che mai svanisce.

    .GianCarlo Maria Bregantini
    Arcivescovo