• Home / CITTA / Vibo Valentia / La Provincia di Vibo vende all’asta un compendio immobiliare

    La Provincia di Vibo vende all’asta un compendio immobiliare

    Si terrà, martedì 16 giugno, alle ore 9:30, nella sede dell’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia, sita in  via “Cesare Pavese”, l’asta pubblica (aperta a persone fisiche, giuridiche e ditte individuali) per la vendita di un bene immobileubicato nel comune di Vibo Valentia in contrada “Scrimbia”, nei pressi di “Villa Gagliardi”.

    Il compendio immobiliare(fabbricato più terreno), di proprietà della Provincia di Vibo Valentia,è compostoda un fabbricato, allo stato di rudere, con due locali in muratura, collegati ai due estremi da un porticato in legno e annesso terreno pertinenziale.

    Il lotto, che comprende l’immobile, si estende in lunghezza per 308 metri e in larghezza media per 30 metri. L’unità immobiliare,risalente alla seconda metà del secolo scorso (antecedente al 1967), si trova in pessime condizioni di conservazione.L’area,nel Piano Regolatore Generale del Comune di Vibo Valentia, ha destinazione urbanistica: “Zona a verde naturale e attrezzata”.

     

    Dati catastali 

    La superficie catastale totale misura 9.360 metri quadri.

    L’immobile è censito al Nuovo Catasto Terreni (N.C.T.) del Comune di Vibo Valentia al foglio 34, particella 52 e 53, entrambi di qualità Ente urbano.

     

    Importo a base d’asta

    Importo complessivo a base d’asta è di 250.340,80€

     

    Condizioni di vendita

    Il prezzo a base d’asta, che rimarrà comunque a carico esclusivo dell’acquirente, si intende al netto di ogni onere fiscale.L’alienazione è assoggettata ad iva ordinaria.L’immobile sarà venduto a corpo e non a misura, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, con i relativi pesi ed oneri e con le relative accessioni e pertinenze, diritti, servitù attive e passive anche se non dichiarate, tanto apparenti, quanto non apparenti.

    L’immobile deve intendersi trasferito nella sua attuale e integrale consistenza. Sarà onere degli interessati acquisire autonomamente tutte le necessarie informazioni anche urbanistiche sull’area oggetto di vendita.Sarà venduto libero da ipoteche e pignoramenti, con garanzia per evizione, senza obbligo da parte della Provincia di Vibo Valentia di sgombero e smaltimento di rifiuti e materiali di qualsiasi genere, quali macerie, masserizie o altro, per qualsiasi ragione, eventualmente presenti in loco. È fatto carico, inoltre, all’acquirente di provvedere agli eventuali interventi di bonifica (anche ambientale), messa in sicurezza e all’eventuale smaltimento di materiali o sostanze dannose, pericolose ed inquinanti.L’acquirente dovrà eseguire, a propria cura e spese, le eventuali attività di censimento necessarie ad ottenere la mappatura dei sottoservizi e delle linee aeree interferenti con l’area oggetto di vendita.

    Tutte le spese e le tasse inerenti al perfezionamento dell’atto di compravendita ed ogni onere dipendente e conseguente saranno a totale carico dell’acquirente.Il corrispettivo per l’acquisto dovrà essere pagato in un’unica soluzione, alla stipula dell’atto di compravendita oppure con una dilazione temporale di sei mesi dalla stipula del contratto, con versamento minimo pari al 50% dell’intero prezzo, oltre ad imposte dovute per legge sull’intero importo, da versarsi al momento del rogito; il pagamento della parte dilazionata del prezzo, comprensivo di interessi legali, dovrà essere garantito da fideiussione bancaria o assicurativa.

    La stipula dell’atto di compravendita dovrà avvenire entro e non oltre 60 giorni dal ricevimento della comunicazione di intervenuta aggiudicazione da parte della Provincia di Vibo Valentia.

     

    Offerte e documentazione

     

    I concorrenti dovranno produrre un plico sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura, riportante all’esterno la seguente dicitura: “Asta pubblica per la vendita di bene immobile (ex demaniale) trasferito all’Ente Provincia con provvedimento dell’01.07.2014 – Decreto Protocollo n. 10801, consegnato in data 19 ottobre 2015”.Oltre all’oggetto dell’asta pubblica, sul plico dovrà essere indicato chiaramente il nominativo e la residenza del concorrente.

    Il plico dovrà essere fatto pervenire, improrogabilmente, entro e non oltre le ore 12:30 del 12 giugno 2020, pena l’esclusione, e dovrà essere indirizzato a:“Provincia di Vibo Valentia,Ufficio Protocollo,via Cesare Pavese, snc – 89900 Vibo Valentia”.

     

    Per la consegna dei plichi sono ammesse tutte le forme, compresa la consegna a mano, nel rigoroso rispetto delle seguenti disposizioni.La consegna dei plichi, a mano o tramite agenzia di recapito autorizzata (corriere), dovrà essere effettuata esclusivamente, pena l’esclusione dalla gara, presso l’Ufficio protocollo della Provincia di Vibo Valentia, via Cesare Pavese – Vibo Valentia, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30 e il martedì e giovedì pomeriggio dalle ore 15 alle ore 17.

    Qualora un plico contenente l’offerta fosse recapitato presso un altro ufficio provinciale l’offerta stessa sarà esclusa dalla gara.Si precisa che, quale che sia la modalità di consegna dei plichi scelta dai concorrenti (servizio postale, agenzia di recapito autorizzata o consegna a mano), del giorno e ora di recapito dei plichi farà fede, esclusivamente, la ricevuta apposta sui plichi stessi da parte dell’Ufficio protocollo.

     

    La Provincia di Vibo Valentia non si assume alcuna responsabilità per ritardi dovuti a disservizi degli incaricati della consegna. Quindi, il recapito tempestivo dei plichi rimane, in ogni caso, ad esclusivo rischio dei mittenti.Il plico all’interno dovrà contenere n. 2 buste sigillate, controfirmate sui lembi di chiusura e contraddistinte con le lettere a) e b).Il responsabile del procedimento è l’ingegnere Maria Giovanna Conocchiella.

    Il bando integrale è pubblicato sul sito internet della Provincia di Vibo Valentia(www.provincia.vibovalentia.it), nella sezioneAlbo pretorio online. Sull’Albo provinciale è possibile visionarlo e scaricarlo,sia entrando in “Avvisi vari” che in “Bandi di gara”.