• Home / CITTA / Vibo Valentia / Gemellaggio socio artistico tra Vibo, San Lucido e Monterosso

    Gemellaggio socio artistico tra Vibo, San Lucido e Monterosso

    Nel ricordo degli autori musicali Clemente Selvaggio e Matteo Puzzello vincitori nel ’55 del Lucival con “NotteSanlucidana” divenuto inno della comunità di San Lucido

     

    Nel ricordo di due prestigiosi musicisti vibonesi, gli autori musicali Clemente Selvaggio e Matteo Puzzello, due autentici protagonisti della storia della musica di ieri di Vibo Valentia, i comuni di San Lucido, Monterosso e Vibo Valentia hanno siglato nella nostra città, nei locali della Scuola di Musica “Matteo Puzzello”, un significativo e solenne gemellaggio socio culturale ed artistico, fatto di emozioni, rievocazioni ed appassionate appendici.   

    L’idea di non dimenticare i maestri Clemente Servello e Matteo Puzzello, vincitori nell’aprile del 1955 del II^ Lucival della canzone di San Lucido con il brano musicale “Notte Sanlucidana”, divenuto subito inno della comunità di San Lucido, è stata opera dello scrittore Francesco Fuoco che nella sua recente opera “Cento anni di storia Sanlucidana” ha dedicato un notevole ed esaltante spazio ai due protagonisti di quella magica notte di stelle che ha segnato il trionfo dei due artisti vibonesi a San Lucido.

    Un passaggio che ha invitato i comuni di San Lucido, Monteresso e Vibo Valentia a non far passare inosservato quanto accaduto in quell’indimenticabile serata d’aprile che ha, sia pure in parte, segnato un forte e pregnante momento storico per gli abitanti della cittadina tirrenica cosentina.    

    A rinsaldare ufficialmente  i cinquantatreanni di distanza, dal 24 aprile 1955 ad oggi, ci hanno pensato le stesse amministrazioni di  San Lucido, Monterosso ( località di nascità dei due artisti vibonesi) e Vibo Valentia ( città di residenza degli stessi ), presenti, rispettivamente, con i sindaci  Antonio Staffa ed Ercole Massara e l’assessore  Pasquale Barbuto  e rappresentanti di famiglia dei due illustri artisti vibonesi che molti ricorderanno anche per i successi fatti registrare negli stessi anni ’50 alle varie edizioni dei Festival della Canzone di Vibo Valentia.

    Visibilmente commossi e grati per la festosa ricorrenza Vito ed Eugenio Selvaggio e Pino Puzzello hanno ringraziato gli ospiti facendo loro dono di pergamene e foto ricordo e dei diplomi che attengono al brano musicale che ha ottenuto il successo alla rassegna canora di San Lucido.

    La delegazione di San Lucido, capeggiata, come detto, dal sindaco Antonio Staffa era anche composta dal vice sindaco Francesco Sgroi, dell’assessore ai ll.pp. Francesco Calvano, dell’assessore alla cultura e allo spettacolo Antonella Gioia, dalla dott. Floreana Chiappetta, figlia dell’allora Presidente del Lucival Dalmazio Chiappetta e da un gruppo di esponenti della Pro Loco che hanno ringraziato e consegnato a Vito ed Eugenio Selvaggio e a Pino Puzzello  pergamene commemorative.    

    Presenti anche il presidente provinciale delle Pro Loco Franco Todaro, il vice sindaco di Monterosso Ubaldo Galati, Giuseppe Parisi, l’associazione Familia De Rubro Monte, la serata ha raggiunto la sua splendida conclusione all’insegna del canto di “Notte Sanlucidana” che ha scritto una seconda esaltante pagina di condivisione tra le tre comunità calabresi.