• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – Appuntamento promosso dal Cis della Calabria

    Reggio Calabria – Appuntamento promosso dal Cis della Calabria

    Nell’ambito della convenzione per attività di collaborazione culturale tra la Città Metropolitana di Reggio Calabria e il Centro internazionale Scrittori della Calabria, nei locali della Casa della Cultura “Pasquino Crupi”, via Cuzzocrea, 48 Reggio Calabria, la Metro City e il Cis della Calabria hanno promosso la conferenza “Corrado Alvaro: la dimensione europea e il respiro internazionale dell’uomo e del giornalista”.

    Ha introdotto Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, che ha ricordato Corrado Alvaro critico di teatro e autore di numerosi romanzi, vincitore del Premio Strega nel 1951. Il relatore prof. Giuseppe Rando, prof. ordinario di Lingua e Letteratura Italiana dell’Università di Messina, responsabile di italianistica e componente del Comitato Scientifico del Cis, nel suo intervento ha rilevato come Corrado Alvaro sia uno dei padri del giornalismo moderno e il primo grande “inviato speciale” della storia (per i suoi magistrali reportages da Parigi, da Berlino, dalla Turchia e dalla Russia), nonché «un gigante della letteratura europea del Novecento», non riducibile, in alcun modo, alle pur pregevoli raccolte di novelle calabresi. Lo studioso ha peraltro sottolineato, attraverso puntuali citazioni di testi e di studi critici, lo stretto legame esistente tra gli articoli giornalistici e i romanzi del Sanluchese, rimarcando, in particolare, la matrice giornalistica di Gente in Aspromonte, de L’ultima delle mille e una notte e de L’uomo è forte, la prima opera, in Europa e nel mondo occidentale, in cui si denunciano, peraltro (nel 1938!), i limiti del “bolscevismo” secondo un’ottica democratica e liberalsocialista. Ha concluso l’incontro la prof.ssa Maria Florinda Minniti, docente di Italiano e Latino, componente del Comitato Scientifico del Cis che ha parlato di Alvaro scrittore soffermandosi sui commenti e i significati che lo stesso Alvaro ha riportato nei suoi volumi, illustrando la realtà europea unita alla tradizione calabrese.