• Home / CITTA / Reggio Calabria / Insieme per sostenere le famiglie affidatarie, parte un progetto del Centro Comunitario Agape

    Insieme per sostenere le famiglie affidatarie, parte un progetto del Centro Comunitario Agape

    Se una famiglia si dimostra disponibile ad aprirsi all’accoglienza di un minore in difficoltà non va lasciata sola. Deve avvertire attorno a sé una rete di solidarietà concreta, fatta non solo di complimenti ed esortazioni, ma di tante forme di aiuto e di solidarietà. E chi si rende disponibile per l’adozione o l’affido, deve sentirsi parte di un’avventura collettiva, in cui gli altri ci sono, vivi e presenti.

    Questa esortazione dei Vescovi italiani di alcuni anni fa è stata raccolta dal Centro Agape che ha deciso di avviare in collaborazione con l’assessorato alle politiche sociali un gruppo di auto aiuto e di sostegno delle famiglie e/o di singoli che hanno in corso un affidamento, compresi quelli parentali e quelli di famiglie che risiedono nel circondario della città metropolitana. Il percorso sarà curato gratuitamente dal dr. Gianni Trudu , psicologo della associazione e si svolgerà in presenza ed in remoto. Per presentare l’iniziativa ed il programma di massima della attività da condividere con i destinatari del progetto, si terrà LUNEDI 29 novembre alle ore 18.00 c/o il salone della Chiesa del Crocefisso di Via Tagliavia 21 un incontro con le famiglie alla presenza del giudice minorile dr. Paolo Ramondino, del giudice onorario Saverio Sergi(delegato per il settore affido e adozione) entrambi componenti del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria, nonché della dott.ssa Maria Grazia Marcianò referente area minori del Comune, con il saluto del parroco della Chiesa del crocefisso don Marco Scordo.Sarà questa anche una occasione per una riflessione di carattere generale sulla situazione degli affidi nel nostro comprensorio e per presentare alcune proposte di miglioramento del sistema affido emerse nella giornata di studio sul tema tenutasi recentemente. Sono tantissimi ancora i minori che vivono in calabria una condizione di abbandono e privi di una famiglia, l’istituto giuridico dell’affido è una delle opportunità che si presenta per dare loro un futuro e per questo è importante che sia maggiormente conosciuto e che soprattutto venga garantito alle famiglie che si aprono a questa delicata forma di solidarietà ascolto e accompagnamento.L’evento sarà trasmesso in diretta nella pagina face book Agape

    reggio calabria