• Home / In evidenza / Pedopornografia online: indagini anche a Reggio Calabria
    Riciclaggio e phishing, arrestati due calabresi

    Pedopornografia online: indagini anche a Reggio Calabria

    Lotta alla pedopornografia online: la polizia di Stato arresta 13 persone. Ventuno le denunce a piede libero. Contestati i reati di divulgazione, cessione e detenzione di materiale pedopornografico. Le indagini, durate piu’ di un anno e mezzo, sono state condotte sotto la direzione della Procura della Repubblica di Palermo dal Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Sicilia Occidentale con il coordinamento del Servizio Centrale, presso il Centro nazionale per il Contrasto della pedopornografia on-line. Ricostruita la rete di rapporti, tra cittadini italiani e stranieri, che detenevano e scambiavano su internet, foto e video ritraenti atti sessuali tra adulti e minori, violenze sessuali subite da bambini, e talvolta anche contenuti pedopornografici realizzati in danno di neonati. In totale si e’ proceduto al sequestro di piu’ di 250 mila file. L’operazione, sotto la direzione di Palermo, e’ stata condotta con il supporto degli Uffici di Specialita’ di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Milano, Napoli, Pescara, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trento. (