• Home / CITTA / Reggio Calabria / Vandalizzata la scuola dell’infanzia Arghilla’ – Salice, lo sdegno di Neri
    Regione, Neri: Dichiarazioni Nesci nervose e qualunquistiche

    Vandalizzata la scuola dell’infanzia Arghilla’ – Salice, lo sdegno di Neri

    “La furia devastatrice dei soliti ignoti, balordi senza dignità, della scuola dell’infanzia Arghilla’ – Salice lascia una profonda ferita nella coscienza di tutti noi”.

    Queste leparole del consigliere regionale Giuseppe Neri, in seguito agli atti vandalici subiti dalla Scuola dell’Infanzia Arghillà – Salice (RC).

    “Purtroppo, non è la prima volta che l’istituzione scolastica ‘Radice Alighieri’ nel quartiere di Arghillà, è soggetta ad atti vandalici perpetrati da chi, con codardia, utilizza il favore delle tenebre per distruggere e deturpare quei luoghi accoglienti e formativi, adibiti ad ospitare la didattica dei bambini. In una scorribanda notturna devastati: l’attrezzatura per l’attività didattica, libri e materiale scolastico; anche banchi, sedie e armadietti distrutti dalla furia dell’ignoranza e della delinquenza”.

    “Forse siamo difronte – continua Neri – ad un atteggiamento di sfida, o semplicemente dinanzi ad un triste caso di noia esistenziale; sta di fatto che, vandalizzare e defraudare asili e scuole cittadine significa attaccare il patrimonio educativo e sociale, destinato alla crescita personale e valoriale delle future generazioni dell’intera comunità reggina”.

    “Da cittadino, ancor prima che da rappresentante delle Istituzioni – conclude l’esponente di ‘Fratelli d’Italia’ – mi auguro che le Forze dell’ordine, di certo attivamente impegnate nella individuazione dei responsabili, riescano al più presto a consegnare alla giustizia i vigliacchi che si sono macchiati di un gesto così vile. Alla dirigente dell’Istituto comprensivo ‘Radice Alighieri’, Avv. Sapone, agli insegnanti e a tutto il personale scolastico va tutta la mia solidarietà, certo che non si lasceranno scoraggiare dallo scempio registrato quest’oggi. Il mio concreto contributo di vicinanza non verrà meno”.