• Home / CITTA / Reggio Calabria / Imbalzano: “Scale anticendio plessi scolastici Spano’ Bolani – Frangipane: l’amministrazione comunale dedita al gioco delle tre carte”

    Imbalzano: “Scale anticendio plessi scolastici Spano’ Bolani – Frangipane: l’amministrazione comunale dedita al gioco delle tre carte”

    “E’ davvero paradossale dover assistere ad uno stucchevole rimpallo di iniziative e responsabilità in merito agli inqualificabili ritardi che l’Amministrazione Comunale accumula giorno dopo giorno nei confronti degli studenti, delle loro famiglie e di tutto il personale docente dei noti plessi scolastici Spanò Bolani e Frangipane, facenti parte dell’Istituto Comprensivo De Amicis Bolani di Reggio.

    E ciò è ancor più grave se si considera che il prossimo 24 settembre suonerà la campanella di inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico senza che il Comune di Reggio abbia ancora offerto una risposta vera, tangibile ed efficace a tutta la popolazione studentesca e al personale docente e amministrativo dell’Istituto richiamato proprio in tempi di covid-19 , secondo le linee guida fissate dal Comitato Tecnico Scientifico che impone il divieto di ogni forma di assembramento nella gestione dei flussi di ingresso e uscita dalle strutture scolastiche”.

    E’ quanto afferma Pasquale Imbalzano, consigliere comunale di Forza Italia nel civico consesso di Reggio Calabria, pronto nuovamente a raccogliere il grido di allarme che promana dal Consiglio d’Istituto della medesima realtà scolastica.

    “Infatti,  nonostante sia stata da noi sollevata interrogazione a risposta scritta su tale questione e benché siano state fornite, rispetto a quest’ultima, dal Sindaco  risposte interlocutorie e generiche avuto riguardo al fatto che lo scorso dicembre 2019 la  Giunta comunale con deliberazione n. 317 ha approvato progettazione esecutiva per la realizzazione delle scale antincendio nei plessi indicati, senza che allo stato attuale  sia stato dato inizio alla cantierizzazione dei medesimi lavori, appare a dir poco imbarazzante voler perseverare in tale ritardo visto che il tempo che ci separa dall’inizio delle lezioni è inferiore ai trenta giorni , mentre i tempi di realizzazione delle stesse infrastrutture, per stessa drammatica ammissione del Sindaco, sono stimati in trenta giorni (sic!)” , aggiunge Pasquale Imbalzano.

    “Pertanto vi è motivo di ritenere che l’Amministrazione Comunale o intende maldestramente far bruciare le tappe di realizzazione delle scale antincendio alla ditta che verrà  incaricata a breve nell’esecuzione dei lavori oppure sta clamorosamente mettendo in piedi,quale abile conduttore, il più classicogioco delle tre carteinfischiandosene del destino degli studenti, delle loro famiglie e di tutto il personale docente e amministrativo.

    Essendoquest’ultimo costretto, tra pochi giorni,  senza novità favorevoli e per esclusiva colpa di questa Amministrazione,nel disporre una prosecuzione della sospensione dell’attività didattica per via del fatto che i medesimi plessi siano dotati di un solo accesso/uscita e le linee guida anticovid fissate dal CTS indichino come necessario la realizzazione di percorsidi ingresso e uscita alternativi e distinti con il rispetto del distanziamento socialeper garantire il diritto alla salute degli studenti”, continua Pasquale Imbalzano.

    “Emerge , quindi, in plastica chiarezza come l’improvvisazione e l’indolenza siano state e siano tutt’ora minimo comun denominatore dell’azione amministrativa di questo centrosinistra, e non possiamo che augurarci come il prossimo 20 e 21 settembre i reggini decidano con una scelta consapevole a favore del centrodestra di aprire una pagina nuova di buona amministrazione per Reggio e nel contempo di porre fine  ad una delle pagine più buie della storia politica della Città”, conclude Pasquale Imbalzano.