• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – Il direttore del Museo ospite della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

    Reggio Calabria – Il direttore del Museo ospite della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

    Il Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, Carmelo Malacrino, sarà a Paestum da giovedì 14 novembre, ospite della XXII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

    L’evento è sede del più grande Salone espositivo del patrimonio archeologico e di ArcheoVirtual, con un’innovativa mostra internazionale di tecnologie multimediali, interattive e virtuali.

    La Borsa Mediterranea si pone quale luogo privilegiato di approfondimento di temi dedicati al turismo culturale e alla divulgazione delle bellezze del patrimonio italiano e costituisce l’occasione straordinaria per farle conoscere agli operatori turistici e agli addetti ai lavori.

    Tre gli appuntamenti che vedranno protagonista il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria alla manifestazione che si svolgerà sino a domenica prossima.

    Giovedì 14 novembreil Direttore sarà intervistato da Maurizio Carucci, giornalista di Avvenire, sul tema delle figure professionali dei direttori dei musei.Nel pomeriggio, invece,parteciperàal dibattito sul giornalismo dei beni culturali, assieme ai vertici dei più importanti musei ed aree archeologiche italiane. A questo incontro sarà presente Antonio Lampis, direttore generale Musei del Mibact.

    Venerdì, in sinergia con la Città Metropolitana di Reggio Calabria, il Direttore presenterà “Il nuovo MArRC, un luogo inclusivo delle culture”.

    «La partecipazione al Salone di Paestum – commenta Malacrino – ci permetterà di parlare del Museo e del percorso di crescita svolto fino ad oggi. Con il prezioso protocollo di intesa siglato con la Città Mediterranea e il Sindaco Giuseppe Falcomatà- aggiunge – si potenzia il ruolo strategico del MArRC e si rendono più efficaci le azioni condivise per la promozione del territorio. Reggio e la Calabria, sul piano del turismo culturale – conclude – non hanno nulla da invidiare al resto del Paese. Sono certo che questa collaborazione sarà proficua e porterà risultati brillanti per la nostra regione».