• Home / In evidenza / Reggio Calabria, Confcommercio: “Chioschi in via Marina, l’illegalità continua”

    Reggio Calabria, Confcommercio: “Chioschi in via Marina, l’illegalità continua”

    Nonostante la forte denuncia di FIPE Confcommercio, l’attività di discoteca non autorizzata deichioschi sulla via marina bassa continua senza sosta. Eppure il problema esiste ed è un problema non solo di sleale concorrenza verso l’ operatore della
    notte in regola che viene danneggiato da un’attività concorrenziale non autorizzata, ma soprattutto viene a mancare quella sicurezza necessaria per far vivere una movida tranquilla nel rispetto delle regole a tutela dei fruitori per la maggior parte costituita da giovani.

    FIPE Confcommercio intende continuare a denunciare quello che sta succedendo sulla via marina bassa diventata una discoteca incontrollabile all’aperto , dove si balla e si beve in spregio di tutte le normative vigenti in materia sino a notte alta.
    A molti piacerà questa movida senza regole, tanta musica a volume altissimo con deejay e la strada usata come parterre da discoteca , ma siamo ben consci che se anche è giusto ed auspicabile che i ragazzi si divertano, gli stessi devono essere tutelati e la passeggiata a mare, fiore all’occhiello della nostra città, deve rimanere accessibile e vivibile per l’intera comunità, famiglie comprese. Le normative ci sono e vanno rispettate a cominciare dall’ art. 68 del TULPS Trattenimenti e spettacoli, a seguire tutte le altre direttive comunali che individuano esattamente in quali termini , in quali modi i titolari di pubblici esercizi possono organizzare eventi, stabilendo orari e modalità di svolgimento.
    Eppure abbiamo assistito a chiusure di attività con sigilli alle saracinesche , quindi la vigilanza esiste e viene svolta, come è giusto che sia , ed è inammissibile che l’attività di controllo notturna non sia praticabile solo ed esclusivamente perché manca un servizio di vigili . A tal proposito FIPE, fermamente convinta che il problema in ordine alla sicurezza pubblica esiste e non può essere in alcun modo trascurato, ha richiesto un incontro al Questore Dott. Maurizio Vallone , massima autorità di pubblica sicurezza per affrontare in maniera integrata ed efficace il problema sicurezza.