• Home / In evidenza / Poliziotti reggini a Roma per protestare per le mancate promesse del Governo

    Poliziotti reggini a Roma per protestare per le mancate promesse del Governo

    “Governo del cambiamento? Sulla sicurezza cambia poco o niente. Molti slogan, molte promesse ma i problemi della sicurezza, anche nella nostra città, sono e restano gli stessi rispetto a 14 mesi fa, quando si è insediato l’esecutivo Conte. Siamo senza contratto di lavoro da oltre 200 giorni e non ci sono risorse adeguate per correggere il riordino interno delle carriere. Una doppia penalizzazione per chi veste una divisa, destinato ad avere nei prossimi anni stipendi peggiori rispetto al passato. Per questo anche i poliziotti reggini saranno a Roma il 25 luglio, davanti a Montecitorio, per far sentire la loro voce”.
     
    Lo afferma Francesco De Fina Segretario Provinciale Silp Cgil di Reggio Calabria
     
    “Per quel che riguarda la riforma dei ruoli e delle qualifiche – dice Francesco De Fina – e in relazione all’atteso decreto correttivo, a disposizione ci sono appena 23 milioni di euro per la Polizia di Stato e 10 milioni per la Polizia Penitenziaria. Cifre irrisorie per migliorare un riordino costato 1 miliardo. La legge delega scade tra l’altro a fine settembre. Dal governo nessun segnale anche sul contratto, scaduto da oltre 200 giorni. Peraltro le risorse ad oggi previste garantiscono, a malapena, il tasso di inflazione programmata”.
     
    “Anche sugli organici e sulle assunzioni – conclude Francesco De Fina – si fa molta propaganda perché ad oggi non è arrivato un poliziotto in più in Questura o nelle Specialità rispetto a quanto previsto dal vecchio piano di assegnazioni. Le nuove assunzioni annunciate ‘sforneranno’ agenti solo nel 2020 e comunque si tratta di numeri che non compenseranno, minimamente, i pensionamenti. La nostra mobilitazione non è iniziata oggi e non terminerà certamente il 25 luglio”.