• Home / Primo piano / Reggio Calabria – Estate senza lidi? Il Comune diffida l’avvio delle attività
    Reggio Calabria lungomare verde in città

    Reggio Calabria – Estate senza lidi? Il Comune diffida l’avvio delle attività

    di Grazia Candido – A rischio l’apertura dei lidi sul lungomare Falcomatà. Si paventa un blocco delle attività a causa dei sollevamenti fognari della Via Marina Bassa e a comunicarlo ai vari esercenti che, in questi anni, hanno animato la movida reggina nel periodo estivo, è il Settore sviluppo economico e sport del Comune. Con una fredda e burocratica Pec infatti, il dirigente del settore comunale, l’avvocato Francesco Barreca informa i titolari delle varie attività che “preso atto della nota del Settore Lavori Pubblici prot. n. 68830 del 27/04/2018 presa in carico in data 02/05/2018 da questo Ufficio, con la quale si evidenziano delle problematiche relative agli allacci fognari della rete comunale per tutte le strutture (stabilimenti e chioschi) collocati sulla Via Marina Bassa del lungomare Falcomatà, si fa espresso divieto di avviare l’esercizio delle attività interessate fino alla risoluzione delle criticità sopra citate. L’eventuale ed arbitrario avvio di ogni singola attività come sopra indicata, sarà perseguibile nelle forme di legge previste”.
    Un colpo al cuore e alle “casse” per tutti gli esercenti che, a pochi giorni dall’apertura della stagione estiva, si trovano di fronte ad un problema che, forse, poteva e doveva essere risolto prima. E tante sono le domande da parte di chi investe, lavora e garantisce occupazione in un città che vuole ripartire e offrire servizi di qualità attirando nuovi flussi turistici.
    “Sino ad oggi, le acque reflue dove hanno scaricato? Il Comune si accorge che esiste un evidente problema fognario solo a pochi giorni dall’apertura della stagione estiva? Ma, soprattutto, è possibile che un’Amministrazione efficiente e vicina alla cittadinanza e ai suoi commercianti, non abbia pensato che la chiusura di circa 12 attività porterà ad un collasso economico e metterà in ginocchio i titolari delle varie aziende e tutte le famiglie che lavorano da anni nel periodo stagionale? E i turisti, quelli che sceglieranno Reggio Calabria come meta per le vacanze, cosa faranno la sera se non potranno nemmeno bere un aperitivo al calar del sole davanti ad uno dei tramonti più affascinanti del mondo?”
    Domande plausibili che richiedono una risposta urgente da parte dell’Amministrazione comunale alla quale i commercianti e la città intera chiedono “soluzioni” tempestive e definitive.