• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, allarme randagismo, la denuncia: che farà il Comune? (FOTO)

    Reggio Calabria, allarme randagismo, la denuncia: che farà il Comune? (FOTO)

    La denuncia arriva dall’amministratore del condominio Parco Fiamma che ha scritto ben due volte a tutte le istituzioni preposte ad occuparsi del fenomeno randagismo

    Randagismo, rischio per l’incolumità dei cittadini e degrado urbano, tutto in una sola denuncia fatta dall’amministratore del Parco Fiamma di Reggio Calabria che ha scritto alla Prefettura, all’Asp, alla Polizia municipale, ad Avr, al sindaco Falcomatà, all’assessorato ai Lavori pubblici ed alla Sicurezza. Eccesso di zelo? No, semplicemente tutti interessati del fatto. I cani randagi in questione, numerosi come si può vedere dalle foto, “pranzano” nei pressi del parco e spesso vi entrano approfittando della momentanea apertura del cancello automatico spaventando i residenti.

    Ma di chi sono in realtà? Secondo quanto racconta l’amministratore nella lettera, i randagi sono accuditi da un gruppo di clochard che vive nei pressi dell’area archeologica in condizione di estremo degrado nella Caserma Duca d’Aosta. Da qui “scavalcano o saltano all’interno della comunione Parco Fiamma, spesso in orari notturni, creando situazione di panico tra i condomini”.

    Per questo motivo l’amministratore chiede a tutti di intervenire per far cessare “la situazione di degrado urbano” augurandosi che intanto nessuno subisca “pregiudizio per la propria incolumità e la propria salute”.

    La prima lettera è stata inviata tramite pec il 30 giugno, situazione immutata e per interventi da parte di chi di dovere, e per risposta dell’amministrazione comunale. La seconda missiva, stesso mezzo, è stata inviata il 4 ottobre. Resterà lettera muta? Il Comune farà la sua parte? L’Asp, prenderà i provvedimenti dovuti?