• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: la Turandot al Cilea

    Reggio: la Turandot al Cilea

    Riapre i battenti, il teatro Francesco Cilea, alla grande lirica.
    La Turandot, opera incompiuta di Giacomo Puccini, sarà di scena venerdì 5 e sabato 7 dicembre alle ore 21.
    Un teatro che vive, il Cilea, e dove si lavora alacremente per dar vita allo spettacolo interamente allestito nel massimo teatro reggino.
    L’opera del grande compositore lucchese rievocherà le atmosfere dell’antica corte imperiale cinese al tempo delle favole. A Pechino la spietata principessa Turandot ha promesso di sposare solo il pretendente che avesse sciolto tre enigmi; chi avesse sbagliato sarebbe morto per vendicare una sua antenata, violentata e uccisa da un re barbaro. Tra la folla accorsa assistere alla decapitazione del principe di Persia c’è un vecchio cieco, accompagnato dalla schiava Liù, viene travolto. Lo soccorre Calaf, principe in esilio dato per morto, che riconosce in lui il suo padre, Timur. Alla vista di Turandot, Calaf se ne innamora perdutamente e decide di tentare di rispondere ai quesiti. Timur, Liù e i tre ministri dell’Imperatore, Ping, Pong e Pang, tentano invano di dissuaderlo ma Calaf è irremovibile. Turandot gli propone i tre enigmi che Calaf riesce a svelare. Disperata, Turandot supplica il padre di non concederla allo straniero. Calaf propone, quindi, a sua volta un enigma: se Turandot riuscirà a scoprire il suo nome prima dell’alba, lui morirà; altrimenti dovrà accettarlo come sposo. Timur e Liù, che sono stati visti parlare con Calaf, vengono imprigionati. Turandot li interroga, ma Liù, innamorata di Calaf, pur di non rivelarne il nome, si toglie la vita. Il sacrificio della giovane schiava turba la terribile principessa che comincia a provare un sentimento per lo straniero. Calaf, infine, le rivela il suo nome e Turandot annuncia al padre che lo straniero si chiama “Amore”.
    L’opera verrà messa in scena per la regia di Mario De Carlo, che ne cura anche le scene e i costumi.
    Il cast: Turandot sarà Giovanna Casella; imperatore Altoum, Stefano Osbat; Timur, Enzo Captano; Calaf, Nicola Martinucci; Liù Mizuco Mori, Gabriella Stimoli; Ping, Leonardo Galeazzi; Pang, Alessandro Casentino; Pong, Costantino Daniello.
    Si esibiranno il coro Francesco Cilea diretto dal Maestro Bruno Tirotta, il Coro Bambini del Maestro Roberto Caridi, sulle note dell’Orchestra Francesco Cilea. Direttore d’orchestra un gradito ritorno nella città dello Stretto, Carlo Palleschi