• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: gli appuntamenti di fine anno del Cai

    Reggio: gli appuntamenti di fine anno del Cai

    Il Club Alpino Italiano sezione Aspromonte vi augura calò dromo ce irinikà
    Cristòjenna ce carpòforo chròno cinùrio (buon cammino e un Natale di pace e un anno
    nuovo carico di frutti).

    CHIUSURA SEDE PER FESTIVITA’
    MARTEDÌ 23 DICEMBRE alle ore 20 soci e simpatizzanti sono invitati in sede per il
    tradizionale scambio degli auguri. Sono graditi panettoni, pandori, petrali ed altri
    dolciumi natalizi. Riapertura sede GIOVEDÌ 15 GENNAIO con una proiezione di immagini
    di Francesco Turano e la presentazione dell’escursione prevista per domenica 18 a
    Saguccio (Bagaladi). E’ pronto infatti il programma delle attività 2009 che si può
    ritirare in sede. Ai messaggi giunti ad info@caireggio.it risponderemo dal 12
    gennaio.

    CINEMA E MONTAGNA RINVIATO
    La proiezione del film prevista per martedì 16 alle ore 21 presso la sede del CAI è
    rinviata a dopo le festività.

    LE REGIONI SEGUONO IL SENTIERO DEL CAI
    Un numero sempre maggiore di regioni sceglie il CAI come partner qualificato per la
    politica di sviluppo dei sentieri. Ultime in ordine di tempo la Basilicata che con un
    recente convegno ha presentato la Legge Regionale n. 51 del 14.04.2000 relativa a
    Catasto, manuale operativo e norme di attuazione. Il convegno ha segnato la
    conclusione del Programma Operativo regionale (POR) 2000-2006 finanziato dall’Unione
    Europea e che, per quanto riguarda il CAI, è stato caratterizzato dalla formazione
    dei rilevatori della rete sentieristica, dall’individuazione e il rilevamento di una
    rete di circa 1000 km di sviluppo e dalla pianificazione del catasto sentieri. Al
    convegno, la Regione ha presentato il “Manuale per la realizzazione dei
    sentieri”  che riprende il nostro “Quaderno Sentieri” e quindi allinea
    al CAI i futuri interventi di sentieristica.
    In  Sardegna è iniziata una collaborazione fra CAI e l’Ente Foreste della regione
    Sardegna basato su una Delibera della Giunta regionale  e un’apposita convenzione
    EFS-CAI. Sono stati effettuati vari incontri formativi per progettisti EFS sul
    rilievo cartografico di una rete di circa 600 km di sentieri; è stato quindi
    coinvolto il Gruppo Lavoro Sentieri nazionale per il rilievo di tutti gli incroci dei
    sentieri e della segnaletica verticale e per la formazione delle maestranze EFS
    incaricate della posa della segnaletica verticale e la realizzazione di quella
    orizzontale. Per dettagli vedi articolo a pag. 6 della Rivista del CAI di questo
    mese.
    Ed in Calabria ? Manca ancora un riferimento normativo regionale ed in particolare
    nel Parco dell’Aspromonte, fra commissariamento e carenze direzionali, non è ancora
    decollato un piano per la gestione dei sentieri nonostante la sezione di Reggio
    Calabria del CAI, con un progetto finanziato dal Ministero dell’Ambiente, abbia
    comunque già rilevato l’intera rete del Parco.