• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: Amnesty e gli studenti del “G. Ferraris”

    Reggio: Amnesty e gli studenti del “G. Ferraris”

    Giovedì 18 Dicembre 2008, dalle ore 11.00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Commerciale “G. Ferraris”, si svolgerà un incontro tra gli studenti e i rappresentanti dell’ONG Amnesty International, movimento mondiale in difesa dei diritti umani.

    L’incontro avrà come oggetto, infatti, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, approvata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite il 10 dicembre di Sessant’anni fa.

    L’evento è stato fortemente voluto dalla Dirigente Scolastica dell’Istituto Prof.ssa F. Miccolis, dalla direttrice amministrativa dott.ssa C.Cuzzocrea e dal corpo docenti, che dimostrano, con questa iniziativa, particolare interesse e sensibilità al tema dei diritti umani e alla missione che Amnesty International da quasi cinquant’anni si dà.

    Purtroppo, ancora oggi, la maggior parte dei diritti enunciati dalla Dichiarazione Universale restano disattesi, non soltanto nei paesi cosiddetti “in via di sviluppo” o “sottosviluppati” bensì anche nelle moderne democrazie occidentali. Fenomeni come la violenza sulle donne o la discriminazione colpiscono anche l’Italia. Per questo è necessario agire sensibilizzando più possibile l’opinione pubblica ma soprattutto educando le nuove generazioni ad una cultura del rispetto dei diritti umani, della pace e dell’uguaglianza.

    L’Educazione ai Diritti Umani rappresenta un pilastro fondamentale della missione di Amnesty International che, tramite i propri attivisti volontari e l’offerta educativa annuale, entra volentieri nelle classi delle scuole di ogni ordine e grado sollecitando gli studenti a una presa in carico in difesa dei diritti umani.

    I rappresentanti di Amnesty International consegneranno alla Dirigente Scolastica, a nome del movimento, dieci copie della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani; un dono speciale e simbolico che Amnesty vuole fare agli studenti dell’Istituto “G.Ferraris”.

    Verrà proiettato un breve video animato sui 30 articoli della Dichiarazione e, subito dopo, verrà dato spazio alla testimonianza dei rappresentanti di Amnesty, agli studenti e ai docenti.