• Home / CITTA / Reggio Calabria / Mediterranea: “verso Urbanistica”

    Mediterranea: “verso Urbanistica”

    universitarettorato.jpg
    Nell’ambito del rilancio del Corso di Laurea in “Pianificazione Territoriale, Urbanistica & Ambientale”, che ha visto un forte impegno promozionale ed organizzativo da parte di tutte le SUE componenti, si è già avuto

    un significativo incremento delle immatricolazioni e dei rapporti con il territorio.

    Per la prima volta dopo 34 anni dalla sua istituzione, in occasione dell’inizio delle lezioni dell’Anno Accademico 2008/09, il Corso di Laurea ha dedicato una giornata – l’“APERTURA D’ANNO del 13 novembre scorso” – ad una riuscita riflessione a carattere nazionale che ha conferito la dovuta solennità all’avvio della nostra didattica, attirando una grande attenzione da parte dell’intero Ateneo Mediterraneo, della società e del territorio.

    Parallelamente, nell’ambito della revisione degli ordinamenti didattici previsti dal DM 270/2004, pur restando il territorio e l’uomo al centro del progetto formativo, è stata avviata una significativa rivisitazione culturale che, oltre ad un adeguamento degli insegnamenti sempre di più al passo con una società che cambia profondamente, ed oltre a significativi ampliamenti dei campi disciplinari – prima di tutti quello del paesaggio –, potrebbe portare anche ad un significativo cambio di denominazione.

    Se ne discuterà, nell’ambito di un’ampia illustrazione del progetto scientifico ed alla presenza della Preside Prof. Francesca Fatta, fra studenti e docenti del “PTU&A” durante “VERSO URBANISTICA”, l’Assemblea convocata in Aula Magna dal Presidente Prof. Enrico Costa, Ordinario di Urbanistica, che da anni si batte per un sempre più specifico profilo culturale e professionale di chi opera nel campo dell’urbanistica e della pianificazione del territorio.

    “VERSO URBANISTICA: DAL VECCHIO AL NUOVO ORDINAMENTO”, ovvero: “Realtà e prospettive della Formazione e nella Professione”, non ha bisogno di lunghe presentazioni o spiegazioni, tutte contenute nell’immagine della balaustra scelta come LOGO:

    La Formazione avrà la solidità della “colonnetta” posta in primo piano, ed è evidenziata dall’ombreggiatura che la pone in risalto rispetto alla “fuga” della balaustra.

    Le “colonnette” della balaustra sono fotografate in prospettiva, come prospettica deve essere una formazione sempre più, anno per anno, aggiornata e raccordata sia alla domanda sociale che al ruolo sociale di una professione tanto incisiva quanto riconoscibile e riconosciuta, ed inquadrata in una concreta prospettiva.

    La balaustra, che insieme delimita e protegge uno spazio ben preciso, lasciandolo comunque permeabile ed aperto al confronto interno / esterno, bene interpreta la nostra concezione dell’urbanista pianificatore: egli ama tanto l’Architettura da assumerla come LOGO, ma non è architetto, convinto ed orgoglioso di essere altro, agendo nell’ambito degli spazi professionali che gli sono riconosciuti, ricevendo una formazione specifica e specialistica.

    Una formazione aperta sì all’Architettura, ma anche ad una serie di discipline, dall’economia alla sociologia, dalla storia a tutto ciò che fa del mestiere di urbanista il riferimento di una multidisciplinarietà pronta a raccogliere ed a rispondere a bisogni e domande della società

    La classicità rinascimentale dell’Architettura dalla quale è estrapolata la nostra balaustra allude chiaramente alla “classicità” della denominazione, Corso di Laurea in “Urbanistica”, che è stata la nostra al momento dell’istituzione e che ri-assumeremo dal 2009/10.

    Essa allude anche ad una classicità disciplinare ben radicata indietro nel tempo, ben oltre la rivoluzione industriale, quando convenzionalmente si fa nascere l’urbanistica moderna, e guarda alla città classica nata, assieme alla civiltà mediterranea, come prima forma visibile dell’organizzazione sociale e della democrazia.