• Home / CITTA / Crotone / Crotone: invoca privacy per evitare perquisizione. Arrestato

    Crotone: invoca privacy per evitare perquisizione. Arrestato

    “Il mio indirizzo? Non sono tenuto a dirvelo, mi appello alla legge sulla privacy”. E’ la singolare giustificazione con cui F.Z., 49 anni, di Crotone, ha tentato di sottrarsi alla perquisizione domiciliare degli agenti del commissariato di Albano, diretti da Antonio Giordano, che lo avevano fermato per un controllo. I poliziotti, sapendo dove abita, lo hanno pero’ accompagnato nel suo appartamento dove l’uomo, in un disperato tentativo di eludere l’accertamento, ha cercato di disfarsi di alcune dosi di cocaina, disperdendola in parte sul pavimento. L’escamotage si e’ rivelato inutile: lo stupefacente e’ stato pazientemente recuperato dagli agenti che, nel corso della perquisizione, hanno sequestrato altre dosi di cocaina e alcune centinaia di euro provento dello spaccio, oltre a materiale per il confezionamento e frazionamento dello stupefacente. F.Z. e’ stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. (AGI)