• Home / CITTA / Crotone / Mons.Graziani favorevole a rilevazione impronte digitali rom

    Mons.Graziani favorevole a rilevazione impronte digitali rom

    L’arcivescovo di Crotone, mons. Domenico Graziani, ha affermato, in una intervista ad un sito indipendente di ispirazione cattolica, di non condividere le critiche di Famiglia Cristiana alla proposta di rilevare le impronte digitali ai bambini rom, sostenendo che l’iniziativa serve, invece ”per dare un’identit… a bimbi che spesso non ce l’hanno”. L’intervista e’ apparsa sul sito della Milizia di San Michele Arcangelo, in una rubrica intitolata ‘Vatispy’, da oggi online a cura del vicedirettore di Petrus, Bruno Volpe, il quale ha spiegato di volervi raccogliere e diffondere voci fuori dal coro e dall’ ufficialita’ nell’ambito della Chiesa cattolica. ”In linea teorica, ma solo teorica – afferma l’arcivescovo di Crotone nell’intervista – Famiglia Cristiana parla bene”, ma ”in concreto le impronte servono per dare un’identit… a bimbi che spesso non ce l’hanno. Non possedendo dati documentali si prestano al commercio degli organi, a delitti su commissione da parte di bande di adulti senza scrupoli. Insomma – fa appello Graziani – tutti noi chiediamo collaborazione alla polizia e alle forze dell’ordine”. Per questo – conclude l’arcivescovo – ”e’ necessario dare un’identita’ a questi bimbi, proprio nel loro interesse e per stroncare traffici criminali”.(ANSA).