• Home / CITTA / Cosenza / Covid: San Giovanni in Fiore, la sindaca Succurro proroga la chiusura delle scuole fino al 22 gennaio

    Covid: San Giovanni in Fiore, la sindaca Succurro proroga la chiusura delle scuole fino al 22 gennaio

    «Per prudenza, precauzione e senso di responsabilità, con apposita
    ordinanza ho prorogato la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado
    fino al prossimo sabato 22 gennaio. Le lezioni in presenza
    riprenderanno il successivo lunedì 24, se, come si prevede, a livello
    territoriale si registrerà una significativa discesa della curva
    epidemiologica». Ne dà notizia, in una nota, la sindaca di San
    Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro, che precisa: «Sarebbe stato
    imprudente rimandare gli studenti in classe, vista l’esplosione dei
    contagi in città e il conseguente, maggiore rischio per anziani e
    soggetti fragili. Con un’altra settimana di didattica a distanza,
    scelta obbligata e non indolore, pensiamo che si possa limitare la
    preoccupante diffusione del virus. Insieme a questa misura serve il
    buon senso di ciascuno, la collaborazione generale e la volontà di
    vaccinarsi, in modo da evitare lo stress delle strutture sanitarie, che
    devono occuparsi anche degli altri pazienti, cioè di quelli, spesso
    cronici, non affetti da Covid». «Sono ben consapevole – rimarca la
    sindaca di San Giovanni in Fiore – che la scuola debba proseguire in
    presenza, per importanti ragioni psicologiche, pedagogiche e formative.
    Tuttavia, i sindaci affrontano emergenze concrete e, di frequente, per
    superarle devono assumere decisioni tempestive davanti a possibilità
    limitate. Ancora una volta, ho voluto privilegiare la tutela della
    salute dei sangiovannesi, di cui sono responsabile in prima persona».
    «Nel frattempo, grazie alla risolutezza e all’ascolto costante del
    commissario e presidente Roberto Occhiuto, con l’attivazione
    dell’hub vaccinale, dell’Usca e dell’Assistenza domiciliare
    integrata per i malati di Covid aventi comorbilità o disagi personali,
    sarà possibile tenere la situazione sotto controllo e – conclude la
    sindaca Succurro – dare ai cittadini delle risposte migliori».