• Home / CITTA / Cosenza / Parte la Rete Musica. Successo di adesioni al bando promosso dal Conservatorio di Musica di Cosenza

    Parte la Rete Musica. Successo di adesioni al bando promosso dal Conservatorio di Musica di Cosenza

    Si è conclusa ieri con un boom di adesioni la manifestazione di interesse indetta dal Conservatorio di Musica Stanislao Giacomantonio di Cosenza tesa alla creazione di una rete/filiera di produzione musicale in Calabria. Il progetto voluto fortemente dal direttore del Conservatorio M° Francesco Perri intende, in poco tempo, creare un rilevante momento di convergenza basato sullo sviluppo e sulla circuitazione musicale.

    E’ un momento storico importante ribadisce il Direttore del Conservatorio di Cosenza M° Francesco Perri – che ha dato l’opportunità di capire quanta preziosa collaborazione sarà possibile realizzare nei prossimi mesi e di rinascita per il territorio”.

    Il Bando era indirizzato ad enti pubblici e privati per la creazione di una filiera sulla produzione musicale del territorio calabrese, con specifico riferimento alla provincia di Cosenza.

    Più di quaranta le adesioni tra cui piace ricordare quella del Teatro Goldoni di Livorno, La Pietà dei Turchini di Napoli, Falaut Associazione flautisti italiani, Funneco Aps di Castellammare di Stabia, Ibimus l’Istituto di Bibliografia Musicale Calabrese, la filiera delle Unpli, la Figaro Opera Society di Avola, e poi tante associazioni musicali territoriali come la storica Associazione Quintieri, la Società Beethoven Acam, Kalabriasona di Crotone, Associazione Musicale Stillo, e poi gli enti pubblici come i Comuni di: Cosenza, Tarsia, Dipignano, Santa Sofia d’Epiro ed ancora il Liceo Musicale “L. Della Valle” di Cosenza, diversi Istituti Comprensivi territoriali, ed ancora Associazione Italiana Ciechi, Associazione Italiana Persone Down, Associazione Italiana Autisti.

    Creare una filiera musicale a 360° in Calabria e, nello specifico nella provincia di Cosenza, significa iniziare a condividere un percorso di dialogo musicale ad ampio raggio. E’ un primo importante passo verso il dialogo fra enti pubblici e privati sulla musica per un organico sviluppo territoriale. Mai è stata fatta fino ad ora una simile operazione che possa coinvolgere tanti enti musicali e non contemporaneamente”.

    Dopo questa prima ricognizione si passa alla fase operativa. Per fine settembre è previsto un primo incontro sul progetto musicale 2021/22 di cui il Conservatorio di Cosenza si farà promotore.

    Vorrei – dice il Direttore Perri – avvicinare presto il mondo politico. Serve una legge sulla musica in Calabria, serve un’orchestra ed una produzione musicale stabile con una precisa circuitazione. Serve un rilancio delle strutture teatrali. La musica è anche economia e potenziale volano per un territorio ricco di istituzioni musicali, di musicisti, di idee musicali. Capiremo insieme la reale situazione individuando le prospettive reali di incontro.”.