• Home / CITTA / Cosenza / Belvedere marittimo – Arrestata giovane coppia di spacciatori

    Belvedere marittimo – Arrestata giovane coppia di spacciatori

    Proseguono i risultati conseguiti dalla Compagnia Carabinieri di Scalea sul fronte del contrasto allo spaccio ed al consumo di droga nel territorio dell’alto tirreno cosentino, controlli intensificati in arrivo dell’estate, sulla base di una pianificazione operativa predisposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza.

    Nel pomeriggio di ieri 29 maggio 2019, a Belvedere Marittimo, i militari della Stazione Carabinieri di Santa Maria del Cedro e di Belvedere Marittimo, al termine di una corale attività investigativa, hanno tratto in arresto per spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina I.C. pregiudicato di 28 anni, originario del posto, e la sua compagna G.R. incensurata di 36 anni, originaria di Santa Maria del Cedro.
    I fatti risalgono alle ore 15:00 circa quando i Carabinieri, nel corso di un mirato servizio di osservazione, hanno notato un anomalo flusso di autovetture sulla strada in cui è ubicata l’abitazione dei due fidanzati. A quel punto i militari hanno deciso, dopo avere cinturato la zona, di fare accesso all’interno della casa sorprendendo i due giovani nel mentre confezionavano le dosi di cocaina. Infatti, sul comò della camera da letto vi era la busta dello stupefacente con accanto la sostanza da taglio, un bilancino di precisione con residui della medesima sostanza, pezzi di busta trasparente, una piccola forbice ed un nastro adesivo, inoltre nel primo cassetto del citato suppellettile è stata trovata la somma di denaro contante pari a 150 euro in banconote di piccolo taglio. Controlli più accurati hanno consentito di rinvenire altra sostanza da taglio ed un portafogli, occultato all’interno di un armadio sotto alcuni abiti, contenente ulteriori 450 euro, sempre in banconote di piccolo taglio, ritenuto provento di pregressa attività delittuosa.
    Informata la Procura della Repubblica di Paola, i due fidanzati sono stati dichiarati in stato di arresto e posti agli arresti domiciliari presso il proprio domicilio, in attesa del giudizio con rito direttissimo che si svolgerà domani mattina.