• Incassa buoni fruttiferi per 10mila euro: interdetto dipendente delle Poste a Catanzaro

    Nei giorni scorsi i militari della stazione di Catanzaro Bellamena hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare interdittiva emessa dal GIP presso il Tribunale di Catanzaro su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di un 64enne catanzarese, dipendente di Poste italiane, ritenuto responsabile di peculato.

    Le indagini hanno tratto origine dalla denuncia sporta da due anziani fratelli catanzaresi che, nel verificare alcuni investimenti fatti presso Poste Italiane, si erano resi conto che due buoni fruttiferi postali, il cui valore era superiore ai 10.000 euro, erano stati svincolati ed incassati alcuni anni prima a loro insaputa. E’ emerso che la firma sugli atti che autorizzavano l’incasso era apocrifa.