• Home / CITTA / Catanzaro / Pitaro: “Una cabina o un osservatorio sul Recovery Plan”

    Pitaro: “Una cabina o un osservatorio sul Recovery Plan”

    “Dopo il dibattito in Consiglio regionale ci attendiamo l’istituzione di una cabina di regia o di un Osservatorio sul Recovery Plan da insediare nella Cittadella regionale, come è stato chiesto sia dai banchi dell’opposizione che da quelli della maggioranza.  Di questo punto di sintesi – afferma il consigliere regionale Francesco Pitaro – dovrebbero far parte, oltre alla politica, tutti  i soggetti dello sviluppo, le rappresentanze imprenditoriali e delle forze sociali, i Comuni, le Università, il Terzo settore nonché le professionalità necessarie per agire con metodo, regole e competenza.

    Al di là della battaglia sulla percentuale di risorse da riservare al Mezzogiorno, è urgente che la Calabria si dia un’organizzazione che sovrintenda permanentemente all’evoluzione del PNRR. La cabina di regia o l’Osservatorio dovrebbe servire a convogliare ogni progettualità già inserita nel Piano del Governo, o quelle a cui si annette particolare importanza per il rilancio dello sviluppo economico e sociale ma che non sono al momento contemplate, in un disegno complessivo della Calabria che vogliamo da qui a dieci anni. E anche a interloquire con il Governo e in particolare con l’Europa che, prevedendo esborsi – due volte all’anno fino al 2026 – e condizionandoli al raggiungimento dei target e con una specifica tempistica, per noi meridionali costituiscono una solida garanzia al fine di evitare che le risorse si disperdano in mille rivoli o finiscano con l’essere fagocitate da lobby, interessi organizzati e speculatori e non conseguano gli obiettivi su cui punta l’Europa”. Aggiunge Pitaro: “Bisognerebbe recuperare il tempo perduto, aprendo, su questo straordinario dossier che interessa il futuro, un dibattito ampio e un’interlocuzione sistematica fra i decisori politici e istituzionali e le istanze più rappresentative della società calabrese. Questo libro dei sogni (com’è stato definito) che ha in serbo mutamenti formidabili nella mobilità, come la linea ad Alta Velocità Salerno – Reggio Calabria con i treni a 300 km all’ora da completare entro il 2030 (parole del premier Draghi) e che costituisce una speranza per le nuove generazioni, non può restare chiuso nella Cittadella regionale o essere seguito come fosse un’ordinaria pratica amministrativa”.